Le giornate dell’editoria cattolica in corso a Roma. L’urgenza di essere sale

L’Osservatore Romano


(Silvia Guidi) «Una parola scritta diventa vivente solo attraverso chi la fa nascere di nuovo con il suo respiro, nel presente»: Jean-Marie Montel, vice direttore generale di Bayard Presse e presidente della Federazione dei media cattolici di Francia, ha citato una celebre frase di padre François Varillon per descrivere nel modo più conciso possibile la grande bellezza (e la grande difficoltà) del suo lavoro. Montel è uno dei relatori che partecipano alle Giornate internazionali dell’editoria cattolica organizzate dal Dicastero per la comunicazione, in collaborazione con l’Ufficio nazionale per le comunicazioni sociali della Cei, in corso a Roma, fino al 29 giugno.

Be Sociable, Share!
Precedente Una teologia per la società? Successivo Papa: in diretta su Tv2000 l’udienza con membri dell’Apostolato della PreghieraTv2000