Lavoro / I videogiochi per formare i giovani talenti

I videogiochi per formare i giovani talenti

da Avvenire

Indra, una delle principali società di tecnologia e consulenza al mondo, lancia l’utilizzo degli e-Sports come strumento di formazione per i giovani talenti che si uniscono all’azienda. L’obiettivo è quello di offrire ai propri professionisti la preparazione più adeguata alle loro esigenze e al mondo del lavoro nell’era digitale. 

L’uso di videogiochi per la formazione aiuta i giovani ad acquisire competenze in aree quali il lavoro di squadra, la comunicazione, la leadership, la risoluzione dei problemi, il rapido processo decisionale, la flessibilità o l’apprendimento continuo, che sono molto necessari nei cosiddetti ambienti Vuca (volatility uncertainty complexity, ambiguity, in inglese), caratteristici dell’era digitale.

Alla base del nuovo strumento di formazione vi è una metodologia innovativa, “gamificata” e immersiva che consente di “allenare” queste competenze digitali e allo stesso tempo di esaminare il comportamento dei professionisti nelle varie condizioni a cui viene sottoposto.

Le sessioni sono organizzate in gruppi da 30 professionisti neoassunti o con un massimo di due anni di esperienza all’interno dell’azienda. Dopo una breve spiegazione, i giovani si preparano e svolgono i primi test individuali per poi passare alla competizione di squadra nel videogioco Overwatch. La sessione si conclude con la premiazione dei vincitori e con una riflessione collettiva su come i l’esperienza può essere utile per il lavoro quotidiano.

Oltre a favorire lo sviluppo di competenze e la loro applicazione nell’ambiente di lavoro, gli e-Sports aiutano a migliorare l’engagement dei giovani professionisti, che dimostrano un alto grado di soddisfazione per questa formazione. Ne è prova il successo del team Indra nel primo campionato di e-Sports per le aziende, tenutosi alla fine del 2018 in Spagna, vinto da due professionisti della società.

Indra realizza la formazione attraverso e-Sports in collaborazione con la società di consulenza specializzata nella formazione, Psicosoft eSport, come parte del proprio programma per giovani talenti Smart Start, grazie al quale ha inserito nell’ultimo anno più di 2mila risorse in Spagna e oltre 200 in Italia. 

Indra confida nei giovani talenti per accelerare il proprio processo di cambiamento culturale promuovendo la trasformazione digitale e lo sviluppo di soluzioni e servizi innovativi. A questo fine, i giovani talenti hanno a disposizione programmi specifici di formazione, sviluppo, valutazione e progressione professionale per i loro primi due anni in azienda.

La finalità è far diventare Indra il progetto aziendale più attraente, stimolante e motivante per il talento digitale. Altri pilastri della nuova cultura sono l’impegno per l’innovazione, la diversità e la formazione.

In quest’ultima area, Indra è sempre stata in prima linea, essendo un pioniere nell’applicazione di nuove metodologie, come l’e-learning, l’apprendimento sociale, la gamification eccetera. 

Tra le iniziative più recenti vi è l’incorporazione nella propria Corporate University della piattaforma di formazione online on demand Udemy for Business, offrendo ai propri 40mila professionisti libero accesso a più di 3mila corsi specializzati. 

L’obiettivo di Indra è promuovere una formazione continua e personalizzata, adattata alle esigenze, agli interessi e alle abitudini di studio di ciascun professionista, basandosi sui loro criteri per sviluppare al massimo le proprie capacità e prepararsi alle sfide attuali e future.

Precedente Sabato 30 Marzo ricordo di don Fabrizio Crotti in Santo Stefano Successivo Il parroco prudente e la Bussola imp(r)udente