L’accordo. Scuola, nuovi concorsi per 70mila posti

Scuola, nuovi concorsi per 70mila posti

Avvenire

Accordo tra sindacati della scuola e ministero dell’Istruzione sul reclutamento degli insegnanti e le misure per contrastare il precariato. L’intesa, sottoscritta nella tarda serata di ieri, prevede percorsi di abilitazione straordinaria (Pas) per i docenti che abbiano già lavorato per almeno tre anni nella scuola, sia statale che paritaria e che potranno così accedere alle supplenze annuali dalle graduatorie di seconda fascia e insegnare nelle paritarie. Al Pas potranno accedere, tra gli altri, anche i docenti di ruolo e i dottori di ricerca. 

Nuovo concorso per 24mila posti
Per chi, invece, ha già maturato tre anni di insegnamento nella scuola statale, di cui uno nella classe di concorso per cui si intende concorrere, sarà bandito un concorso straordinario e abilitante da oltre 24mila posti. “La graduatoria finale – si legge nel testo dell’accordo – sarà determinata assicurando un preminente rilievo ai titoli di servizio, oltre che in base al punteggio attribuito ad una prova scritta, da svolgersi al computer, per la quale sarà prevista una soglia minima di punteggio, nonché una prova orale non selettiva”.

Selezione per i laureati
Un altro concorso ordinario, per ulteriori 24mila posti, sarà riservato ai laureati in possesso dei requisiti previsti dalla disciplina vigente, tra cui 24 crediti formativi in ambito antropo-psico-pedagogico e metodologie e tecnologie didattiche.
“Con questi due concorsi per la scuola secondaria – commenta il ministro dell’Istruzione, Marco Bussetti – bandiremo, fra straordinario e ordinario, quasi 50mila posti. Altri 17mila sono quelli del concorso ordinario per infanzia e primaria. Nei prossimi mesi, dunque, bandiremo quasi 70mila posti nella scuola”.

“Soluzione che risponde alle aspettative”
Soddisfazione per l’accordo raggiunto, è stata espressa dai segretari generali di Flc-Cgil, Francesco Sinopoli; Cisl Fsur, Maddalena Gissi; Uil Scuola Rua, Giuseppe Turi; Snals Confsal, Elvira Serafini; Gilda Unams, Rino Di Meglio. “Si tratta di una soluzione di grande rilievo – si legge in una nota unitaria – rispetto al tema della reiterazione dei contratti a termine nella scuola statale, che risponde alle richieste e alle aspettative del personale di cui le organizzazioni sindacali si sono fatte interprete. Esprimiamo quindi soddisfazione per gli esiti della trattativa, che si è conclusa con una mediazione positiva che è riuscita a tenere insieme gli interessi dei lavoratori coinvolti con le esigenze di funzionamento della scuola”.

Be Sociable, Share!
Precedente Il Vangelo. Trinità, il mistero che abita dentro noi Successivo Il commento. Non si chiude solo un anno c’è una scuola che è alla fine