La notte dei Santuari

da Avvenire

Porte aperte e lampade accese per la prima edizione della Notte dei santuari. Da questa sera alcuni dei luoghi di culto tra i più raccolti e prediletti del nostro Paese accoglieranno fedeli e visitatori dal tramonto alla mezzanotte, in alcuni casi fino alle prime luci di domenica. Da quelli noti in tutto il mondo come il santuario della Madonna di Pompei, della Vergine nera di Tindari o della Consolata di Torino, fino a quelli che raccontano le radici cristiane di valli e piccoli comuni.L’appuntamento è una prima assoluta per l’Italia, un incontro tra spiritualità e stupore, con un forte accento sull’esperienza comunitaria e l’accoglienza. La proposta è firmata dall’Ufficio nazionale per la pastorale del tempo libero, turismo e sport della Cei, unitamente al Collegamento nazionale dei santuari Italiani e all’Ufficio nazionale Cei per la pastorale delle vocazioni. Circa un centinaio i santuari aperti, in tutte le regioni.«Un’occasione per accendere una luce sul forte valore simbolico che i santuari hanno per la comunità cristiana e per l’umanità intera – ha indicato il segretario generale della Cei, monsignor Stefano Russo –. Come ci ha ricordato papa Francesco nella lettera Sanctuarium in Ecclesia “’i santuari in ogni parte del mondo restano segno peculiare della fede semplice e umile dei credenti, che qui sperimentano in modo profondo la vicinanza di Dio, la tenerezza della Vergine Maria e la compagnia dei santi: un’esperienza di vera spiritualità” – ha proseguito Russo –. Nella notte una luce si accende e chiede di essere seguita. Accompagna in un’esperienza significativa del mistero di Dio, che si manifesta come Colui che sempre ama e perdona. Nonostante la crisi di fede che investe il mondo contemporaneo, questi luoghi vengono ancora percepiti come spazi sacri verso cui andare pellegrini, per trovare un momento di sosta, di silenzio e di contemplazione nella vita spesso frenetica, con la nostalgia di Dio. La Notte dei santuari sia un incontro con le domande dell’uomo, per portare a tutti il Vangelo della gioia, e per la Chiesa un’opportunità per riscoprirsi santuario abitato da Dio in cui Egli compie ancora meraviglie».Il team organizzatore, a partire dal tema “Come se vedessero l’invisibile”, ha previsto linee guida che troveranno declinazioni molteplici: dall’adorazione eucaristica alle confessioni, dalle visite teologico-artistiche a preghiere per le vocazioni, fino a veglie notturneanimate da giovani, musicisti, corali e biblisti. In comune, la consegna della luce ai fedeli alla fine di ogni percorso.«Scopriremo di essere attesi in luoghi che Dio stesso si è scelto, manifestandosi con speciali grazie –- ha indicato don Gionatan De Marco, direttore dell’Ufficio nazionale Cei per la pastorale del tempo libero, turismo e sport – per attraversare il buio come anticamera di una nascita, del momento in cui si verrà alla luce».L’evento è un unicum europeo, tanto più rilevante perché il turismo religioso nel nostro Paese vale oltre 6 milioni di presenze (per il 60% stranieri). In Francia a fine ottobre scorso, nella notte del cambio dell’ora legale le 17 “città-santuario” dell’Esagono (tra cui Lourdes e Lisieux) organizzarono “La 25ª ora”, ma fu evento più limitato. Sullo sfondo la crescente attenzione della Chiesa europea verso la valorizzazione della religiosità popolare e la fede che nasce dall’incontro. Tanto più in luoghidove si intrecciano memoria, devozione e profezia. 

Precedente Pensionati in piazza dopo gli ultimi tagli: non siamo un bancomat Successivo Idee. I populismi davanti alle istanze delle religioni