La Chiesa filippina sostiene l’inchiesta Onu sulle morti nella guerra alla droga

Asia News

Per il vescovo ausiliare di Manila aiuterà a mettere fine agli omicidi extragiudiziali. E garantirà giustizia alle vittime e alle loro famiglie. Se il governo non collabora, avverte il prelato, “ha qualcosa da nascondere”. Il governo filippino resta (per ora) all’interno del Consiglio Onu per i diritti umani, ma attacca l’Islanda. La Chiesa cattolica filippine plaude alla decisione delle Nazioni Unite di avviare una inchiesta sulle migliaia di uccisioni nell’arcipelago, in particolare quelle legate alla lotta contro la droga promossa in prima persona dal presidente Rodrigo Duterte. Secondo quanto riferisce l’arcivescovo ausiliare di Manila mons. Broderick Pabillo, l’indagine aiuterà a mettere fine agli omicidi extragiudiziali e garantirà giustizia alle vittime e alle loro famiglie. 

Precedente “Moon river”, la luna tra scienza e poesia a 50 anni dallo sbarco Successivo Il prefetto della Congregazione per l’educazione cattolica a Lima. L’identità degli atenei pontifici