Crea sito

L’ ACR inizia il cammino di Quaresima

Domenica 26 febbraio all’oratorio cittadino e alla sala Regiò
“Ho visto il Signore” queste parole della Maddalena hanno guidato i lavori dei ragazzi dell’ACR nel loro ritiro di Quaresima di domenica 26 febbraio all’oratorio cittadino! Come si fa a vedere il Signore? Bella domanda, alla quale ha cercato di dare una risposta il nostro Eugenio Romani che con i nostri validissimi attori ha dato vita ad una rivisitazione della parabola del buon samaritano. Com’è difficile vedere e soccorrere chi suona al nostro campanello per chiedere aiuto ed è importuno. A noi sta cercare di aprire gli occhi del cuore, per essere prossimo a chi ci è vicino nella vita di tutti i giorni, come anche il nostro Papa Benedetto ci ha chiesto di farci “angeli” per le persone vicino a noi in questo tempo di QUaresima! Il nostro fare però dev’essere sostenuto dalla preghiera quotidiana, tutti i giorni, sempre a quell’ora ha suggerito don Gabriele ed i ragazzi hanno ricevuto il bel libretto dell’ACR nazionale che proporrà una riflessione al giorno per allenare il cuore verso il Signore e lo sguardo verso il prossimo. I nostri relatori hanno usato come sempre tanti linguaggi per cercare di sintonizzarsi con i ragazzi, oltre a don Gabriele Valli, nostro assistente, abbiamo avuto con noi don Alessandro Ravazzini di Sassuolo, don Stefano Manfredini di Rubiera, don Daniele Bassoli di Pieve Modolena, poi suor Irene di Sassuolo e sorella Daniela del Cenacolo Francescano, con noi al mattino anche don Carlo Pagliari. I lavori del mattino sono stati rallegrati dal bel sole che ha permesso di giocare e di conoscere altri amici nella pausa pranzo, riscaldata dalla buona cioccolata in tazza preparata da Elsa. Le parrocchie partecipanti sono state tante come sempre da Guastalla a Sassuolo a Pieve, i ragazzi e gli educatori sono stati circa 300, in verità mancavano alcune parrocchie tra le più affezionate che aspettiamo ai prossimi appuntamenti! Al Regiò, Elisabetta Goccini ha preparato un bel video che ha spiegato ai ragazzi come fare per guardare con gli occhiali giusti la realtà attorno a noi, i ragazzi dell’ACR sono sempre attenti alle richieste di aiuto e per questo hanno aiutato le ragazze della Bolivia con la vendita delle borracce per il mese della pace, ma anche adesso dovranno esserlo con chi è vicino a loro. Una celebrazione intensa e partecipata, vibrante della gioia vera che esce da questi incontri diocesani e che dà la carica per ripartire, ha segnato il punto centrale della giornata ed il via al cammino quaresimale. A Messa finita, sono stati chiamati sul palco i ragazzi di Guastalla che, lo scorso anno, hanno ospitato la Festa della Compagnia con una collaborazione e una partecipazione straordinarie e i ragazzi di Rubiera che invece accoglieranno gli acierrini nella festa di quest’anno che sarà il 22 aprile prossimo!!!! Come testimone, una bandiera dell’ACR che è passata dalle mani di un ragazzo di Guastalla a quelle di un ragazzo di Rubiera, ma non ha mai smesso di sventolare!!!
Il prossimo appuntamento prima del 22 aprile, sarà il 18 marzo all’oratorio cittadino , nel pomeriggio e sarà rivolto ai genitori e ai ragazzi dalla 1° alla 4° elementare, sarà un laboratorio sulla preghiera della buonanotte, momento speciale dell’infanzia nel quale comunicare con l’amore che solo i genitori riescono a fare, l’amore per Gesù ai loro bambini!
Vi aspettiamo in tanti!!
Liliana Ragazzi & equipe ACR