Iniziano così le 13 righe di fuoco con le quali Francesco si fa voce dei migranti

Tiscali 

(Carlo Di Cicco) I morti e i sopravvissuti nel Mediterraneo sono il simbolo di tutti gli scartati della società globalizzata e vanno considerate persone umane da non trattenere a lungo nei centri di accoglienza temporanea. “In questo sesto anniversario della visita a Lampedusa, il mio pensiero va agli “ultimi” che ogni giorno gridano al Signore, chiedendo di essere liberati dai mali che li affliggono”.

Precedente Il mondo diviso da 70 barriere Successivo La Santa Sede rinuncia all’immunità giurisdizionale di cui gode il Nunzio apostolico in Francia