Incontro a Budapest sui preparativi del Congresso Eucaristico Internazionale 2020

fonte: http://ungheriasantasede.blogspot.com/

Si sono dati appuntamento a Budapest, tra l’8-11 maggio 2019, i membri del Pontificio Comitato per i Congressi Eucaristici Internazionali e i Delegati nazionali in rappresentanza delle rispettive Conferenze Episcopali, provenienti da più di 70 paesi del mondo.
I partecipanti della Plenaria del Pontificio Comitato hanno visitato i luoghi chiave in cui si svolgerà l’evento: lo Stadio Ferenc Puskás che sarà terminata per l’evento, i padiglioni della Hungexpo, che ospiteranno gli eventi mattutini del Congresso, la Piazza degli Eroi, il viale Andrássy, la Basilica di Santo Stefano e la Piazza, nonché Piazza Kossuth. Hanno, inoltre, assistito a delle presentazioni sulle condizioni di sicurezza e di viaggio (in particolare informazioni per i provenienti da continenti lontani), sulle preparazioni svolte finora e sulla conferenza teologico-scientifica da tenersi prima del Congresso nel 2020. Nella presentazione informativa sono stati chiariti anche i dettagli della registrazione e le possibilità di alloggio. Infatti, durante l’incontro di quattro giorni i partecipanti si sono accertati dell’adeguatezza dei luoghi, gli Arcivescovi-Delegati sono riusciti a raccogliere informazioni rilevanti per i pellegrini provenienti da loro paesi; saranno comunque loro a dare una mano nell’organizzazione del viaggio, dell’alloggio e della registrazione nelle diocesi delle loro nazioni.

Il Presidente János Áder saluta i partecipanti alla Plenaria

Al Parlamento i partecipanti sono stati ricevuti dall’On. László Kövér, Presidente dell’Assemblea Nazionale Ungherese. Successivamente il Presidente dell’Ungheria, S.E. János Áder, ha salutato i delegati esprimendo la sua gioia per la scelta della capitale ungherese come sede dell’evento internazionale. nel suo discorso ha richiamato l’impegno ungherese per la fede: “Questa coscienza della propria vocazione è nostra da mille anni. È la vocazione di arricchire il mondo con la tenacia della fede, con la nostra cultura, con la nostra perseveranza custode di valori, con il nostro rispetto verso gli altri, con la nostra amicizia ospitale. Questo è il nostro programma per il ventunesimo secolo, ed è questo che vogliamo farvi sperimentare l’anno prossimo. Perché l’Ungheria fin dalla sua nascita – da più di mille anni – non vuole soltanto ricevere, ma vuole piuttosto dare.”

Il Nunzio di Budapest, Mons. Blume, il Presidente della Conferenza Episcopale Mons. Veres,
il Card. Erdő con il Presidente Áder

Il Card. Péter Erdő, nel suo indirizzo di saluto ha raccontato: “Quando nel 2016 a Cebu City, alla messa di chiusura del Congresso Eucaristico Internazionale abbiamo ascoltato il videomessaggio di Papa Francesco, ci è sembrato di sognare. È stato infatti un sogno di lunga data quello di poter, dopo il Congresso Eucaristico Internazionale del 1938, incontrare di nuovo a Budapest il mondo cattolico e di poter esprimere insieme la nostra venerazione e adorazione per Cristo presente nel nell’Eucaristia.”
Il Primate d’Ungheria ha illustrato, inoltre, alcuni aspetti della preparazione spirituale al Congresso Eucaristico: “Nei preparativi del Congresso Eucaristico ha un ruolo importante la Croce Missionaria che contiene le reliquie dei santi e beati dell’Ungheria e dei paesi confinanti. In occasione della visita ad limina della Conferenza Episcopale Ungherese presso la Santa Sede la Croce è stata benedetta da Papa Francesco, per iniziare poi, dal Cattedrale di Esztergom il suo itinerario attraversi diverse città dell’Ungheria e dei paesi confinanti. Dove arriva la Croce arriva, la Segreteria Generale del Congresso organizza Sante Messe solenni, adorazione eucaristica, esercizi spirituali, conferenze, concerti e presenta, nell’ambito di una mostra, la vita dei santi e martiri le cui reliquie sono custodite di cui memoria è custodita nella Croce. Chiediamo anche la loro intercessione per il felice esito del Congresso. Dopo ogni Santa Messa domenicale nelle nostre Chiese preghiamo per il Congresso, perché questo grande incontro possa servire al rinnovamento spirituale della nostra città, del nostro popolo, dell’Europa e del mondo intero.”
Mons. Marini ha presentato l’obiettivo dei congressi eucaristici che nel tempo si sono evoluti. Infatti, all’inizio, verso la fine dell’Ottocento, molti governi europei erano anticlericali, perciò i congressi erano finalizzati a esprimere la presenza della Chiesa, che la Chiesa era viva; in tal senso questi congressi erano delle dimostrazioni di forza nella società. La Chiesa intendeva presentarsi alle masse anche come contrappunto al giansenismo allora in voga che riteneva che la comunione fosse un sacramento al quale sono invitati solo i santi. I congressi allora avevano anche una funzione di catechesi “itinerante”, che era l’unica occasione del genere fino alla nascita di giornate mondiali della gioventù. Successivamente è stata introdotta l’espressione Statio Orbis per richiamare l’attenzione alla celebrazione d’Eucaristia. La comunione locale è stata posta al centro dell’evento.
Per quanto riguarda i messaggi dei congressi eucaristici, Mons. Marini ha sottolineato: la risposta cristiana per un mondo pieno di delusione, dolore e guerra è la speranza; la figura di Gesù che è venuto per servire e non per essere servito. Ogni domenica ci possiamo radunare nelle nostre chiese, incontrare Cristo, formare una comunità, accogliere la parola del Signore che risuona nella liturgia, ripetere i gesti di Cristo. Il Cristianesimo offre la spiritualità del servizio, ha spiegato Mons. Marini.
Il Prof. Lajos Dolhai, responsabile della commissione teologica del Congresso, ha presentato la conferenza scientifica eucaristica dell’anno prossimo.

Conferenza Stampa finale della Plenaria a Budapest

Alla conferenza stampa conclusiva della Plenaria sono intervenuti Mons. Piero Marini, Presidente del Pontificio Comitato per i Congressi Eucaristici Internazionali, P. Vittore Boccardi, Segretario del Pontificio Comitato per i Congressi Eucaristici Internazionali, il Card. Péter Erdő, Arcivescovo di Esztergom-Budapest e Primate d’Ungheria, Mons. Gábor Mohos, Vescovo ausiliare di Esztergom-Budapest, Rev. Kornél Fábry, Segretario Generale del Congresso Eucaristico Internazionale del 2020 e la Sig.ra Tünde Zsuffa, Responsabile della comunicazione e stampa della Segreteria Generale del Congresso Eucaristico Internazionale del 2020.
Mons. Piero Marini ha ringraziato Card. Péter Erdő e gli organizzatori in loco per l’accoglienza calorosa, l’atmosfera fraterna e la gentilezza: “Budapest è una città che dispone di una perfetta infrastruttura, sicuramente non è stato difficile scegliere i luoghi dell’evento, c’è quasi l’imbarazzo della scelta”. In risposta alle domande dei giornalisti Mons. Marini ha spiegato che è fiducioso circa la possibilità di una visita di Papa Francesco al Congresso di Budapest. Lui personalmente gli consiglierà la visita riferendosi alle tradizioni, e sottolineerà l’importanza dell’Ungheria nel centro d’Europa, e il fatto che questo paese potrebbe indicare il futuro per il continente, dove tanti nella società hanno già perso la speranza e la gioia per un futuro.
Alla conferenza stampa è stato menzionato che lo Stato ungherese contribuisce in modo significativo all’organizzazione del Congresso, anche con il restauro di edifici religiosi, alcuni dei quali non sono stati toccati sin dalla fine della guerra. Si percepisce la “buona volontà” da parte del Governo ungherese, affinché i partecipanti stranieri trovino ospitalità ed accoglienza in Ungheria – ha aggiunto il Card. Péter Erdő.

Be Sociable, Share!
Precedente Biodiversità carismatica delle nuove forme di vita consacrata ed ecclesialità, al centro della riflessione della seconda giornata del V Incontro mondiale a Roma Successivo È morto Franco Zeffirelli. Aveva 96 anni ed era uno dei più famosi registi italiani del Novecento