Il Papa: l’Europa chiude i porti alla gente sulle navi ma li apre alle armi. «Voglio andare in Iraq l’anno prossimo»

Vatican Insider

(Salvatore Cernuzio) Critica di Francesco durante l’udienza alla Roaco: «L’ira di Dio si scatenerà con chi parla di pace e vende armi». L’annuncio:«Voglio andare in Iraq l’anno prossimo». Papa Francesco intende andare in Iraq «il prossimo anno»: lo ha detto egli stesso, ricevendo i partecipanti alla Riunione delle Opere di Aiuto alle Chiese Orientali (Roaco), ai quali ha ricordato: «Gridano le persone in fuga ammassate sulle navi, in cerca di speranza, non sapendo quali porti potranno accoglierli, nell’Europa che però apre i porti alle imbarcazioni che devono caricare sofisticati e costosi armamenti, capaci di produrre devastazioni che non risparmiano nemmeno i bambini». Una «ipocrisia» sulla quale si è soffermato anche quando, parlando della guerra in Siria, ha scandito: «Tante volte penso all’ira di Dio che si scatenerà con quelli responsabili dei paesi che parlano di pace e vendono le armi per fare queste guerre: questa è ipocrisia, è un peccato».

Precedente Sri Lanka Colombo, il premier indiano Modi rende omaggio alle vittime del terrore di Pasqua Successivo Oltre 1300 contagi nella Repubblica Democratica del Congo. L’ebola è tutt’altro che sconfitta