Il giorno 2 Ottobre 2012, alle ore 21.00, nei locali della Parrocchia di S. Stefano, si è riunito il Consiglio Pastorale Parrocchiale: ecco il verbale

Comunità parrocchiale di S. Stefano e S. Zenone

 

Verbale n. 4 del Consiglio Pastorale Parrocchiale – Ottobre 2012

Il giorno 2 Ottobre 2012, alle ore 21.00, nei locali della Parrocchia di S. Stefano, si riunisce il Consiglio Pastorale Parrocchiale presieduto dal parroco Don Fabrizio Crotti, con il seguente ordine del giorno:

 

  • riflessione e progettazione delle iniziative parrocchiali inerenti l’anno della Fede;
  • organizzazione dell’attività dei Ministri Straordinari della S. Eucarestia;
  • comunicazioni del Parroco;
  • varie ed eventuali.

 

Sono presenti i Signori: diacono Grassi Enrico, Anceschi Andrea, Lodi Federico, Monica Fabrizia, Monticelli Antonio, Montruccoli Giorgia, Moretti Maura, Mussini Elena, Nalio Gaia, Prandi Franco, Rossi Lorenzo, Ruci Albana, Ruozi Giuseppe, Serrone Giuseppe, Valeriani Alberto.

 

Introduzione del parroco

Don Fabrizio apre la seduta commentando il terzo capitolo del libro di Giobbe (Gb 3,1-26) e sottolinea che, come emerge dalla vicenda di Giobbe,  l’uomo, nelle avversità come nei momenti propizi, deve avere la certezza di essere nelle mani di Dio e questa sicurezza deve costituire l’orientamento fondamentale della sua esistenza. La presenza costante di Dio nella nostra vita non ci preserva tuttavia dalle sofferenze e dalle fatiche quotidiane, che a volte sono così pesanti e pressanti da mettere in crisi le nostre certezze e da spingerci a chiedere il perché di queste durissime prove. Questo atteggiamento di apparente pessimismo compare non solo nel libro di Giobbe, ma anche nei Salmi e in altri passi della Sacra Scrittura; molto significativo è tuttavia l’atteggiamento di grande fede che emerge dalla lettura complessiva del libro di Giobbe: in esso si ribadisce infatti che la vita è un mistero ed è nelle mani di Dio e l’uomo deve avere fiducia nella superiore giustizia divina.

Anche noi dobbiamo quindi recuperare il senso profondo della nostra fede e, come Dio stesso ha usato la croce non come segno di debolezza, ma come punto di forza, dobbiamo farci forti nel testimoniare la certezza della fede cristiana nella prospettiva di una vita nuova, che va oltre le sofferenze di questo mondo. La fede in una vita che non finisce in questo mondo non deve tuttavia farci sentire superiori agli altri, ma deve divenire uno strumento di pacifica convivenza con il prossimo, anche con colui che non possiede la stessa fede.

L’itinerario di riscoperta della fede voluto quest’anno dal papa va dunque letto in questa prospettiva di testimonianza di fede in una vita che va oltre la nostra materialità.

 

Iniziative parrocchiali inerenti l’Anno della Fede

  • Catechismo

In generale, in tutti i gruppi di catechismo, si porrà l’attenzione sul discorso della riscoperta della fede e si cercherà di coinvolgere le famiglie in tutte le iniziative proposte.

– Gaia Nalio comunica al Consiglio che due ragazze del post-Cresima si sono rese disponibili ad affiancare i catechisti Germano e Giovanna del gruppo di seconda elementare; la signora Iolanda Albanese affiancherà la catechista Laura del gruppo di terza elementare; il gruppo di quarta elementare sarà guidato dalla catechista Simonetta con l’aiuto di  Delcy; il gruppo di quinta elementare sarà seguito da Sr. Anna Lucia e Albana.

– Il catechismo per tutti i ragazzi della scuola elementare inizierà domani, mercoledì 3 ottobre, alle ore 16, con appuntamento in chiesa per un momento di preghiera.

– Domenica 7 ottobre i catechisti riceveranno il mandato parrocchiale durante la S. Messa della 11.

– Sabato 13 ottobre, dalle ore 15 alle 16,  inizierà il catechismo per il gruppo di prima media.

– La responsabile dei catechisti, Gaia Nalio, ricorda alcuni appuntamenti dell’anno catechistico e, in particolare, illustra il progetto che sarà proposto ai ragazzi del catechismo per il periodo d’Avvento: a partire dalla prima domenica di Avvento verrà progressivamente realizzato presso l’altare di Maria bambina un presepe con figure create dai ragazzi utilizzando diverse tecniche artistiche.

– A partire da domenica 14 ottobre, alle ore 10.30, Antonio Monticelli preparerà i ragazzi del catechismo a svolgere il ruolo di chierichetti; la comunicazione dell’iniziativa  verrà data nei vari gruppi di catechismo.

 

  • Gruppi di Vangelo

Le riflessioni proposte nei gruppi di Vangelo andranno orientate, anche tramite l’uso di specifici sussidi, sul discorso della riscoperta della fede.


  • Iniziative specifiche

Don Fabrizio, anche alla luce di quanto emerso domenica 30 settembre in occasione della presentazione del sussidio  Risvegliare la Fede. Sui passi di Abramo edito dalla diocesi, illustra i motivi della scelta della figura di Abramo come padre e simbolo della Fede e propone di utilizzare alcune delle schede presenti nel sussidio come base di lavoro per riflettere e approfondire il tema della fede.

In particolare, propone di partire da esse per creare degli strumenti di lavoro più semplici, leggibili e operativi da presentare alla comunità. Nello specifico il Parroco suggerisce di scegliere il periodo dell’Avvento per presentare in quattro o cinque domeniche la figura di Abramo (parti scelte dei capitoli 11,27-25,11 della Genesi), utilizzando eventualmente anche strumenti mediatici, e di sintetizzare i contenuti esposti in altrettante schede da distribuire ai fedeli, corredate di spunti di riflessione per attualizzare la storia di Abramo.

Propone quindi di fissare le settimane della Quaresima come ulteriore momento per distribuire ai fedeli una serie di domande sul percorso di Abramo da mettere in relazione con la propria esistenza, attualizzando i momenti più significativi della sua storia (ad esempio: partendo dal tema dell’uscita di Abramo dalla sua terra, chiedersi che cosa significa per noi concretamente uscire dalla nostra terra). 

Federico Lodi propone di scegliere una giornata alla fine del periodo pasquale per un momento di restituzione e confronto delle riflessioni; si pensa inoltre di dare la possibilità, a chi eventualmente lo desiderasse, di inviare il proprio contributo e la propria riflessione anche per iscritto.

Don Fabrizio chiede la collaborazione del Consiglio Pastorale per redigere le schede e si rende disponibile a organizzare la domenica pomeriggio un’eventuale ulteriore momento di formazione e approfondimento sulle tematiche scelte .

Questo percorso, in occasione del  50° anniversario dell’inizio del Concilio Vaticano II, diventerebbe lo strumento per riflettere sui valori fondamentali della fede riscoprendone e ribadendone la valenza attuale.

 

Ministri S. Eucarestia

In merito al secondo punto all’ordine del giorno, Elena Mussini riferisce quanto comunicato tramite lettera da Paola Campo e fornisce al Consiglio Pastorale l’elenco aggiornato dei Ministri Straordinari della S. Eucarestia che attualmente operano in parrocchia e la tabella per registrare i nominativi delle persone seguite da ciascun Ministro. I Ministri presenti aggiornano parzialmente lo schema delle disponibilità e delle assistenze, comunicano le variazioni e le novità di cui sono personalmente e direttamente a conoscenza e si impegnano, su invito di Don Fabrizio, a fare un’indagine su eventuali nuovi bisogni, ognuno nella propria zona.

Il Parroco chiede inoltre a tutto il Pastorale di porre attenzione alle necessità di aiuto e assistenza del territorio e di segnalargliele, in modo da organizzare al meglio i turni di distribuzione della S. Comunione, venendo incontro anche a nuove necessità al momento sconosciute.

Si ricorda inoltre che  la referente designata a raccogliere le segnalazioni è la sig.ra Letizia Bazzoffi Prandi.
Elena Mussini riferisce inoltre la proposta di Paola Campo relativa all’istituzione di una giornata del malato parrocchiale con l’amministrazione del sacramento dell’Unzione degli Infermi, preparata con un cammino di riflessione e preghiera rivolto ai Ministri Straordinari, ma anche a tutta la comunità.

 

Varie ed eventuali

– A causa della celebrazione di apertura diocesana dell’Anno della Fede prevista per giovedì 11 ottobre 2012 alle ore 20.30 con partenza dalla Basilica della Ghiara, si è deciso di annullare l’incontro di formazione per catechisti fissato per la stessa data.

– Albana Ruci informa che, in vista della prossima apertura (presumibilmente il 28 ottobre p.v.) dell’Oratorio, si sta occupando della sistemazione dei locali, curandone la pulizia e l’estetica; a questo proposito, per non gravare la parrocchia di ulteriori spese, grazie alla collaborazione del diacono Enrico, effettuerà la vendita di oggetti di artigianato di sua creazione per recuperare i fondi necessari all’acquisto di alcuni materiali.

– Per la sostituzione in Consiglio Pastorale del sig. Amedeo Prati, deceduto nel mese di settembre, si procederà a contattare i primi candidati tra non eletti, i signori Giancarlo e Giovanna  Manini e Lucia Ori, a pari merito per numero di voti, al fine di chieder loro la disponibilità a entrare in Consiglio.      

– Alberto Valeriani e Gaia Nalio comunicano al Consiglio Pastorale che, per motivi di salute, non saranno in grado di partecipare attivamente alle iniziative parrocchiali per un certo periodo di tempo.

Non restando altri argomenti di cui discutere, dopo la preghiera di gloria e ringraziamento al Signore, la seduta è tolta alle ore 22.35.

 

Il presidente                                                                                                                    Il segretario

Don Fabrizio Crotti                                                                                                     Elena Mussini

 

Precedente Sorprendenti censure e ampia (dis)informazione Successivo Giovedì 18 Ottobre 2012 Preghiera e Servizio alla Casa della Carità