Crea sito

GMG Cracovia Settimana nazionale in cammino sulle orme di Frassati

Parte idealmente dai sentieri montagnosi dedicati in ogni regione d’Italia al beato piemontese morto a 24 anni il cammino italiano verso Cracovia dove Pier Giorgio Frassati sarà indicato come modello di santità ai giovani di tutto il mondo riuniti per la Giornata mondiale della gioventù, che per la seconda volta si svolge, nel suo appuntamento internazionale in terra polacca, dopo il precedente del 1991 a Czestochowa.

È cominciata ieri infatti la quarta Settimana nazionale dei Sentieri Frassati inaugurati 20 anni fa e domani – nella ricorrenza liturgica del beato piemontese che cade il 4 luglio, giorno della sua morte avvenuta nel 1925 – dalla Cattedrale di Torino l’urna con le sue spoglie partirà per raggiungere Cracovia dopo un pellegrinaggio attraverso il Nord Italia e l’Europa. «Vivere, non vivacchiare», il motto del giovane figlio dell’editore de La Stampa, è stato ripreso come «strada per sperimentare in pienezza la forza e la gioia del Vangelo» da papa Francesco che ha anche confidato ai piemontesi di averne sentito parlare per la prima volta da suo padre, considerandolo un modello di chi ha saputo «fare e andare controcorrente».

Nella notte tra venerdì e sabato sono sta- ti i giovani marchigiani ad aprire la Settimana con l’undicesima camminata della Pastorale giovanile con l’appoggio del Cai e la collaborazione della sottosezione ‘Pier Giorgio Frassati’ della Giovane Montagna: conclusione alla Porta del Giubileo della Cattedrale di Cagli e una particolare memoria del Battesimo con l’acqua raccolta da tutti i Sentieri Frassati d’Italia. Due giorni di trekking spirituale si sono conclusi ieri anche in Carnia sul ‘Frassati’ del Friuli Venezia Giulia (pernotto nell’accogliente monastero delle suore di Poffabro) per iniziativa della vivace Azione cattolica di Maniago.

In Trentino si sale oggi con vista sul lago di Garda per 900 metri dal Santuario francescano delle Grazie di Arco al rifugio San Pietro: la camminata è stata promossa e animata insieme da Azione cattolica, Pastorale giovanile, Fuci, Montagne giovane e settimanale diocesano con Messa nel primo pomeriggio alla cappella presso il rifugio: è un assaggio, la prima tappa, del Sentiero trentino che in 100 chilometri conduce in Val di Non a San Romedio. In Valle d’Aosta appuntamento classico oggi con l’Azione cattolica della diocesi di Piacenza-Bobbio a Fiery e Resy, al cospetto della nevi perenni della Val d’Ayas, ma c’è anche la novità del raduno al Rifugio Frassati, a quota 2.542, in località Lac de Merdeux, sull’Alta Via n° 1, nel comune di Saint-Rhémy-en-Bosses, dove alle 16:30 sarà concelebrata la Messa; alla fine merenda offerta a tutti i partecipanti.

Sempre nella mattinata di oggi escursione per l’Abruzzo (iniziativa del Cai di Penne) sul Sentiero Frassati che parte dall’abbazia di San Bartolomeo; per la regione Lazio si sale al monte Viglio da Filettino per iniziativa del Cai di Colleferro e dalla Sottosezione Cai di Anagni con numerosi giovani dell’Azione Cattolica del Lazio alla Messa prevista alle 12. Da lassù molti di loro guarderanno idealmente a Cracovia seguendo le indicazioni di papa Francesco che anche nel messaggio per la Giornata mondiale della gioventù 2016 ha proposto Frassati come testimone di misericordia assieme a Giovanni Paolo II e a Faustina Kowalska.

Avvenire

Pubblicato da Blog Santo Stefano

Blog della chiesa di Santo Stefano a Reggio Emilia (della Parrocchia S. Giovanni Ev. in Santo Stefano e San Zenone). Unità Pastorale Santi Cristanto e Daria