Giovedì 20 giugno, nella solennità del Corpo e Sangue del Signore (Corpus Domini), la Diocesi si stringe attorno al vescovo emerito monsignor Adriano Caprioli che festeggia il 60° anniversario di Ordinazione presbiterale.

Caprioli venne infatti consacrato presbitero nel Duomo di Milano il 28 giugno 1959 per l’imposizione delle mani e la preghiera del cardinale Giovanni Battista Montini, il futuro san Paolo VI.

La celebrazione cittadina del Corpus Domini avrà inizio alle 18.30, nella cripta del Duomo reggiano, dove una breve cerimonia inaugurerà la nuova epigrafe, installata su di una parete, il cui testo è stato composto dal vescovo Massimo a ricordo del grande restauro della Cattedrale avvenuto durante l’episcopato del suo predecessore.

Alle ore 19 monsignor Caprioli presiederà la Messa in Cattedrale; la liturgia sarà animata dalla Cappella Musicale in collaborazione con i cori parrocchiali della città e delle aggregazioni. Seguirà la Processione eucaristica dalla Cattedrale alla Basilica della Ghiara percorrendo la via Emilia. Si concluderà con la benedizione impartita nella Basilica e con il canto del Magnificat davanti all’Immagine miracolosa della Madonna della Ghiara.

Tutti i sacerdoti della diocesi sono invitati a concelebrare, rendendo grazie con monsignor Caprioli per il suo 60° anniversario di consacrazione sacerdotale.

Il Centro diocesano per le Comunicazioni sociali trasmette in diretta la Messa nella solennità del Corpus Domini a partire dalle 19 e la successiva processione alla Ghiara. La diretta si può seguire su Teletricolore (canale 10) e pure in streaming su YouTube/La Libertà Tv e sulla pagina Facebook collegata al giornale diocesano (i canali social, con immagini in alta definizione, sono raggiungibili dal sito www.laliberta.info o anche transitando dal sito della Diocesi, www.diocesi.re.it).

laliberta.info

Be Sociable, Share!
Precedente INVIATA LA LETTERA ALL'UE. CONTE OGGI AL CONSIGLIO EUROPEO. CRESCONO I POSTI FISSI E DIMINUISCONO I CONTRATTI A TERMINE Successivo L’Arte del Gol, la mostra che guarda al legame tra calcio, pittura e fotografia