Crea sito

Gela. Si uccide imprenditore antimafia, “punito” dallo Stato

Si uccide imprenditore antimafia, "punito" dallo Stato

da Avvenire

Si è ucciso ieri Rocco Greco, 57 anni, di Gela (Caltanissetta), l’imprenditore che aveva denunciato i boss e al quale però era stato impedito di lavorare per la ricostruzione dopo il terremoto in Centro Italia in quanto in odore di mafia. “Denunciare i boss del pizzo mi è costato caro”, continuava a ripetere ultimamente Greco ai familiari.L’uomo nel 2007 aveva denunciato Cosa nostra convincendo altri 7 imprenditori a fare la stessa scelta, in seguito alla quale erano state arrestate e condannate 11 persone. Ma poi erano stati i mafiosi a diffondere sospetti su Greco, sostenendo che avesse rapporti con loro. Il Tribunale lo aveva assolto, però la sentenza non è bastata per impedire alla prefettura di emettere nell’ottobre scorso un’interdittiva sulla sua azienda, la “Cosiam srl”; un provvedimento che gli aveva fatto perdere tutti gli appalti per i lavori di ricostruzione dopo il terremoto in centro Italia. Così Greco aveva dovuto licenziare 50 dipendenti e ieri si è ucciso.