Eventi Appennino reggiano, va in scena il teatro popolare

Al via la XLI Rassegna Nazionale di Teatro Popolare

Il Resto del Carlino

Reggio Emilia, 10 luglio 2019 – Per gli appassionati di tradizioni popolari sta per partire la nuova stagione estiva del teatro del maggio, ben radicato nell’Appennino reggiano, con la “XLI Rassegna Nazionale di Teatro Popolare”, che si dipanerà da luglio a fine agosto, all’aperto, nei Comuni di Villa Minozzo, Ventasso e anche in Lunigiana.

Domenica 4 agosto, alle 15, in Val d’Asta (Villa), sarà poi la volta del “Maggio epico”, messo in scena dalla “Compagnia Maggistica Monte Cusna” (info: 333 6435607).

Domenica 11 agosto, alle 15, Morsiano (Villa) sarà il palcoscenico per “Valentino di Castiglio” di Davide Borghi, con la “Compagnia Maggistica Val Dolo” (info: 329 3033310).

Giovedì 15 agosto, a Costabona (Villa), doppio appuntamento con la tradizione del maggio: alle 11 la “Messa del maggiarino” e alle 15,30 l’“Antigone” (info: 348 2885669).

Doppio appuntamento anche domenica 18 agosto: a Cervarolo (Villa), alle 15, la “Compagnia Maggistica Val Dolo” presenta “Il drappo reale” di Viviano Chiesi (info: 329 3033310); sempre alle 15, ma a Varlinao-Giuncugnano (LU), la “Compagnia Maggista Monte Cusna” ripropone il “Maggio epico” (info: 333 6435607).

La rassegna si concluderà domenica 25 agosto, alle 15, a Cervarolo (Villa), con un gran finale che vedrà la partecipazione di tutte le compagnie emiliane ancora attive, saranno presenti anche stand della Proloco (info: 329 3033310).

Il primo appuntamento è previsto per domenica 14 luglio, alle 15,30, alla Carbonaia di Costabona (Villa Minozzo), dove la “Società del Maggio Costabonese”, attiva ininterrottamente dal 1962, proporrà “Antigone” del maestro Romolo Fioroni, il quale ha dato un contributo fondamentale per la ripresa di questa attività dopo il periodo bellico (info: 348 2885669). La stessa rappresentazione sarà riproposta sabato 20 luglio, alle 15, a Cinquecerri (Ventasso).

Be Sociable, Share!
Precedente “L’identità cristiana, in politica, è quella della compassione e dell’accoglienza”. Intervista a padre Francesco Occhetta Successivo Delegazione dell’Onu in visita per tre giorni nel paese. Missione in Colombia per sostenere l’accordo di pace