Esercito. Lupetto Vittorio porta l’allegria tra i piccoli del Pediatrico Bambino Gesù

Lupetto Vittorio, la mascotte, ha ottenuto un grande successo tra i piccoli (Esercito italiano)

Avvenire

I militari con i piccoli malati dell’Ospedale pediatrico Bambino Gesù. Questo giovedì unità cinofile, simulatori di motocicli, un robot sminatore “MK8–Plus II ed esibizioni di complessi musicali dell’Esercito hanno allietato i giovani pazienti della struttura romana nella Ludoteca dell’Ospedale.

Grande successo ha riscosso la mascotte dell’Esercito il “lupetto Vittorio”, che con la sua carica di simpatia ha contribuito anche a valorizzare i momenti musicali della fanfara dei bersaglieri in congedo “Nulli Secundus” e della musica d’ordinanza del 1° reggimento “Granatieri di Sardegna”.Sono stati allestiti anche alcuni settori espositivi mirati a un’attività rivolta allo svago e al divertimento. A organizzare il tutto il Comando Militare della Capitale con il concorso di personale, materiali e mezzi di diversi Reparti dell’Esercito. Durante la mattinata i militari coinvolti nell’iniziativa, oltre a regalare un sorriso per allietare la permanenza dei piccoli pazienti, hanno consegnato alcuni doni ai ricoverati nell’Ospedale.

Un militare consegna dei doni a una paziente del Bambino Gesù (Esercito italiano)

Un militare consegna dei doni a una paziente del Bambino Gesù (Esercito italiano)

L’Ospedale Pediatrico “Bambino Gesù”, polo di riferimento nell’Italia centro-meridionale, festeggia quest’anno i suoi 150 anni di storia. Fondato per volontà della famiglia Salviati nel 1869, è considerato il più antico ospedale pediatrico italiano. L’istituto, che dal 1887 occupa l’attuale sede sul Gianicolo, grazie alla continua attenzione alle nuove frontiere della medicina e della ricerca, ha ottenuto da parte del Ministero della Sanità la qualifica di “Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico” ed è conosciuto in tutto il mondo per la sua attività di ricerca. 

Lupetto Vittorio abbraccia un piccolo ricoverato (Esercito italiano)

Lupetto Vittorio abbraccia un piccolo ricoverato (Esercito italiano)

Precedente Papa: in diretta l’udienza all’Associazione della Stampa Estera Successivo Un pallone oltre le sbarre. La prima "trasferta" dei ragazzi del Beccaria