Crea sito

Eletto il nuovo Pontefice, esultano i fedeli a piazza San Pietro Fumata bianca alle 19.06 dopo il quinto scrutinio

Le campane della basilica e di tutta Italia suonano a festa, la folla impazzita si sta accalcando sotto al sagrato

Folla in piazza per il nuovo papa
Folla in piazza per il nuovo papa
Diario Vaticano

Tutti gli occhi si spostano dal comignolo alla loggia per veder il nuovo papa. Impazza il toto-papa, i fedeli dicono Scola.

La fumata bianca; dal comignolo della Cappella Sistina dove i cardinali sono riuniti da ieri ha segnalato che il nuovo papa è stato eletto. Il pontefice è stato eletto al quinto scrutinio dopo le fumate nere di ieri sera e di questa mattina. Le campane della basilica di San Pietro suonano a festa per annunciare il nuovo papa. Un boato della Piazza San Pietro ha accolto la fumata bianca. La folla impazzita si sta accalcando sotto al sagrato della basilica di San Pietro, è un tripudio di cori e foto. Sono tantissimi i giovani in Piazza San Pietro e il loro modo di comunicare la gioia è cantare e ballare. Canti in tutte le lingue, canti religiosi ed anche tifo da stadio. Ma con un obiettivo comune: quello di manifestare la gioia perché ora la chiesa ha una nuova guida. L’entrata in Piazza San Pietro della banda e delle guardie svizzere ha suscitato un lungo applauso da parte dei fedeli che sono saliti sul sagrato. Con questo ingresso, la piazza ha smesso canti e balli e si sta sempre più assiepando vicino alla basilica.

DECANO RE AD ELETTO, ACCETTI?COME VUOI ESSERE CHIAMATO? – Subito dopo l’esito del voto, il cardinale decano Giambattista Re si è rivolto al porporato scelto con la domanda sull’accettazione: “Accetti la tua elezione canonica a Sommo Pontefice? – Con quale nome vuoi essere chiamato?”. Subito dopo è avvenuta la bruciatura delle schede e la fumata bianca. Lo riporta la Radio vaticana sul suo sito. Il nuovo Papa, fa sapere, si reca nella cosiddetta “Stanza delle Lacrime” ad indossare una delle tre le vesti papali già pronte. Al suo ritorno ha luogo una breve cerimonia con una preghiera, la lettura di un passo del Vangelo che può essere il “Tu sei Pietro e su questa pietra edificherò la mia Chiesa”, oppure “Pasci le mie pecorelle”, e una preghiera. In questa preghiera entrano come attori il primo dell’Ordine dei Diaconi, il primo dell’Ordine del Presbiteri, il primo dell’Ordine dei Vescovi. Segue l’atto di ossequio dei cardinali, cioé tutti i Cardinali presenti passano a manifestare il loro ossequio e la loro obbedienza al nuovo Papa. Quindi tutti insieme, cantano il “Te Deum”.Il Conclave e’ stato comunque più lungo di quello che nel 2005 elesse Papa Joseph Ratzinger. Per giungere all’elezione di Benedetto XVI, infatti occorsero quattro scrutini, svoltisi in due giorni, uno il 18 e tre il 19 aprile 2005. Non essendoci stata la fumata bianca al quarto scrutinio, quindi, la scelta del successore sta richiedendo più votazioni di quelle occorse per Ratzinger.

 

La notizia della fumata bianca in Piazza san Pietro è stato accolta anche a Venezia dal suono delle campane a distesa dal campanile della Basilica di San Marco. Anche nelle chiese delle altre città del Veneto le campane sono state sciolte per salutare l’annunciata elezione del nuovo Pontefice. Pochi minuti dopo la fumata bianca a Milano in tutte le chiese hanno iniziato a suonare le campane. Le campane suonano anche in tte le chiese della Lombardia. La notizia della fumata bianca in Piazza san Pietro è stato accolto anche a Venezia dal suono delle campane a distesa dal campanile della Basilica di San Marco. Anche nelle chiese delle altre città del Veneto le campane sono state sciolte per salutare l’annunciata elezione del nuovo Pontefice.

ansa