Crea sito

Egitto: piazze in guerra Al Cairo e’ una strage

Un bagno di sangue nella notte tra venerdì e sabato – il secondo in venti giorni – con l’acuirsi degli scontri fra sostenitori dell’ex presidente deposto Mohamed Morsi e le forze dell’ordine precipita sempre piu’ l’Egitto in una spirale di violenze e ritorsioni. La guerra è per strada, è nelle dichiarazioni dei fronti contrapposti e anche nei numeri delle vittime: 66 secondo il ministero della Sanita’, oltre 120 secondo la Fratellanza, che ha accusato forze dell’ordine e cecchini di aver volutamente sparato sui manifestanti per uccidere. Accusa respinta dal ministro dell’Interno Mohamed Ibrahim e dal procuratore generale, che a loro volta hanno addossato ai pro Morsi la responsabilità di aver sparato per primi sulla polizia.

Nonostante l’ultimatum dei militari scadesse oggi, il ministro ha riferito che la data di uno sgombero della grande piazza davanti alla moschea di Rabaa el Adaweya non e’ stata decisa e che la speranza e’ che i militanti islamici l’abbandonino di loro volonta’ per evitare altri spargimenti di sangue. Speranza pressochè vana, visto che gi esponenti dei Fratelli musulmani hanno ribadito che rimarranno li’ dove sono.

Nella sua conferenza stampa, il ministro ha assicurato che un’eventuale operazione di sgombero della piazza sara’ fatta in un quadro di legalita’ e che verra’ decisa dopo avere conosciuto la valutazione della procura. L’esito delle prime indagini condotte si e’ fatto attendere e il procuratore generale ha attribuito ai sostenitori di Morsi l’intera responsabilita’ delle violenze e dell’uso di armi da fuoco. Rivolte, ha detto, contro le forze dell’ordine che tentavano di impedire ai manifestanti di bloccare un dei principali ponti della citta’, quello del 6 ottobre.

Versioni nettamente contrapposte che non lasciano nessuno spazio alla mediazione e al compromesso, come ha invece nuovamente invocato il vicepresidente e a lungo leader dell’opposizione Mohamed el Baradei, condannando “l’uso eccessivo della forza” assieme a Ue e Usa. E assieme al gran imam della moschea di Al-Azhar, Ahmed al-Tayeb. Segnali importanti da parte di due personalità che hanno sostenuto il colpo di mano dell’esercito contro Morsi.

Ma oltre i confini egiziani è tutta la regione a ribollire. La Tunisia, dove continuano le proteste, è ancora sotto shock per l’assassinio nei giorni scorsi dell’oppositore Mohamed Brahmi per mano dei salafiti, con migliaia di persone che oggi hanno affollato in un clima di altissima tensione i funerali del nuovo “martire” della democrazia tunisina. Mentre la Libia ha chiuso le frontiere con l’Egitto, ufficialmente per impedire di lasciare il Paese ai responsabili dell’uccisione, ieri, dell’avvocato e militante politico ostile ai Fratelli Musulmani, Abdessalem al-Mesmari, a Bengasi, dove oggi più di mille detenuti sono riusciti a fuggire da un carcere.

Morsi presto nella prigione di Mubarak – Con un’evoluzione inaspettata nella travagliata transizione egiziana, l’ex rais Hosni Mubarak e il suo successore, il fratello musulmano Mohamed Morsi, potrebbero trovarsi accomunati nello stesso destino di detenzione, e sotto lo stesso tetto, quello della prigione di Tora. A farlo capire oggi è stato il ministro dell’interno Mohamed Ibrahim, che peraltro ricopriva lo stesso incarico nel governo formato sotto la presidenza Morsi, quando ha detto che il presidente deposto il 3 luglio potrebbe essere trasferito nella prigione che finora ha accolto i gerarchi dell’ancien regime. Morsi, tuttora agli arresti in un luogo segreto, nel frattempo si è rifiutato di incontrare i rappresentanti di una ong per i diritti umani egiziana che voleva verificarne lo stato di salute. Ma suoi compagni di detenzione hanno riferito che sta bene.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA