Crea sito

Ecco la “Storia del Vaticano. Dalle origini ai giorni nostri”

La ripercorre il libro di Paolo Scandaletti: le radici nell’antichità remota con Abramo e Mosè, Cristo e gli Apostoli in Palestina, Pietro e Paolo che avviano la Chiesa nella grande Roma, fino a Papa Bergoglio

Questo libro racconta la vita dell’istituzione più longeva dell’umanità: le radici nell’antichità remota con Abramo e Mosè, Cristo e gli Apostoli in Palestina, Pietro e Paolo che avviano la Chiesa nella grande Roma, fino a Papa Bergoglio. Storia che spesso coincide con quella dei Papi: dai perseguitati a quelli che la consolidano come Leone e Gregorio Magno, salvano nei monasteri il patrimonio culturale della civiltà greco-romana; affrontano male l’ondata islamica e le crociate, ma aprono all’aria fresca degli Ordini mendicanti. Si buttano nel potere temporale, battagliando con il grande imperatore Federico II; e in quello mondano, provocando lo schiaffo di Lutero e la salutare rigenerazione del Concilio di Trento.

 

Agli splendori del «Rinascimento italiano» i pontefici hanno dato la basilica di San Pietro con la cupola di Michelangelo, il colonnato del Bernini, la magia della Cappella sistina e le «Stanze» di Raffaello; i Musei vaticani prima attrattiva del turismo colto del mondo. Nel rovescio, la piaga del nepotismo e i papi guerrieri, i vescovi feudatari e principi col popolo di Dio emarginato, i processi dell’Inquisizione e il caso clamoroso di Galileo. L’unità d’Italia sloggia il Papa dal Quirinale, liberandolo finalmente da un potere temporale ormai imbarazzante. Mussolini con il Concordato del 1929 ha dato forma allo Stato Vaticano: tanto minuscolo territorialmente quanto libero di svolgere la missione per la quale la Chiesa è stata creata due millenni fa.

«Storia del Vaticano. Dalle origini ai giorni nostri», di Paolo Scandaletti, Biblioteca dell’Immagine, 2015, 487 pagine, 14 euro.

lastampa.it