Crea sito

Dopo la Messa-record di Manila Papa Bergoglio saluta l’Asia

Partito dalle Filippine alle 3.12 di questa notte (le 10.12 a Manila), Papa Francesco arriverà oggi a Roma, dopo quasi 15 ore di volo, alle 17.40 all’aeroporto romano di Ciampino. Si conclude così il viaggio in Sri Lanka e nelle Filippine, viaggio contrassegnato da tanti momenti emozionanti e intensi, tra cui la Messa record di domenica a Manila, con la presenza di 7 milioni di fedeli.

Nel ritorno l’aereo papale sorvola la Cina. Alle 2.04 (9.02 a Manila) Papa Francesco, in “papamobile” ha lasciato la nunziatura apostolica per l’aeroporto “Ninoy Aquino”, alla Villamor Air Base, per la breve cerimonia di congedo. Lungo l’intero percorso di 9 km migliaia di filippini hanno saluto il Papa. In più di un’occasione la papamobile si è fermata per permettere a Francesco di baciare bambini e salutare da vicino le persone. Quando  a Manila erano 09.32 (le 02.32 a Roma), Jorge Mario Bergoglio è stato accolto per il congedo dal Presidente delle FilippineBenigno Aquino all’ingresso del padiglione presidenziale dell’aeroporto.

Alle 2.40, davanti a centinaia di ragazzi che intonavano canti in suo onore, Papa Francesco, accompagnato dal presidente, portando come si consueto a mano la sua borsa nera di pelle, si è incamminato verso l’aereo. Per ultimo il Papa ha salutato il cardinale Luis Antonio Tagle, arcivescovo di Manila. Con qualche minuto di ritardo rispetto al programma, il Pontefice è salito sul velivolo della “Philippine Airlines” alle 2.49. L’aereo si è alzato in volo alle 3.12.

L’atterraggio a Roma è previsto alle 17.40. Sorvolando lo spazio aereo di 11 nazioni il viaggio dovrebbe durare 14 ore e 40 minuti. Come di consueto il Papa invierà un messaggio ai governanti di questi Paesi.

Nel caso della Cina, sarà la seconda volta negli ultimi mesi, dopo il viaggio in Corea, ma la prima volta che ad un Papa viene concesso di sorvolare il Paese, nonché l’occasione di uno scambio di messaggi augurali con le autorità di Pechino. “Invio cordiali saluti a Sua Eccellenza mentre sono in volo sul suo Paese, nel mio viaggio dalle Filippine al Vaticano. Assicuro la mia preghiera per lei e
per tutto il popolo della Cina, invocando su di voi abbondanti benedizioni di armonia e prosperità”: ecco il testo del messaggio del Papa al presidente cinese Xi Jinping. Uno scambio di messaggi c’era stato anche quando il Papa era andato in Corea.

avvenire