Dischi Sacra / Da Monteverdi al barocco, ecco la “Missa” di Cavalli

Avvenire

Francesco Cavalli (1602-1676) è stato uno dei più importanti e dotati allievi di Claudio Monteverdi; alcuni recenti studi lo annoverano tra i possibili compositori che hanno aiutato il maestro a completare L’incoronazione di Poppea e come il probabile autore del celebre duetto Pur ti miro. E proprio come autore di melodrammi ha conosciuto maggior fama, grazie e una produzione che conta circa 40 titoli, anche se oggi ce ne restano poco meno di 30; il successo davvero internazionale delle sue opere – andate in scena nelle maggiori piazze dell’epoca, tra Venezia e Napoli, ma anche Parigi e Londra – sono testimoniate dal record ottenuto da Giasone, il melodramma più rappresentato in Italia durante il XVI secolo, con ben 29 diverse produzioni e 61 edizioni del suo libretto. Ma è proprio sul fronte del repertorio sacro che Cavalli risulta un autore tutto da riscoprire; nel 1668 venne nominato maestro di cappella nella Basilica di San Marco a Venezia – lo stesso incarico ricoperto da Monteverdi tra il 1613 e il 1643 – e in quella veste ebbe modo di occuparsi dell’apparato musicale per le principali funzioni religiose della Serenissima. Data alle stampe nel 1656, la sua raccolta intitolata “Musiche sacre concernenti Messa e Salmi Concertati con Istromenti Inni Antifone & Sonate” rappresenta la fronte principale a cui Benjamin Chénier e il Galilei Consort hanno attinto per la ricostruzione della Missa 1660, che deve il suo titolo alla sua presunta data di esecuzione – 25 gennaio 1660, presso la Basilica dei Santi Giovanni e Paolo a Venezia – in occasione delle feste di ringraziamento per il matrimonio del re di Francia Luigi XIV con l’Infanta di Spagna. Si tratta di una “messa concertata” per solisti e doppio coro con accompagnamento di un ricco ensemble strumentale (con cornetti, trombe, tromboni e percussioni), ricercata nella scrittura e sfarzosa nell’impianto sonoro, in cui l’eredità della lezione monteverdiana si apre verso l’impronta più sontuosa e sofisticata dell’estetica barocca.

Francesco Cavalli
Missa 1660
Galilei Consort, B. Chénier
Château de Versailles. Euro 20,00

Precedente Genitori impauriti dalle tecnologie, l'errore da non fare Successivo Scuola. Solidarietà alla prof sospesa: centinaia in piazza a Palermo