Corridoi Umanitari: Sant’Egidio apprezza il discorso di Ursula von der Leyen

Corridoi Umanitari: Sant'Egidio apprezza il discorso di Ursula von der Leyen

Salario minimo europeo, lotta alla disoccupazione, parità di genere, Europa “verde” e tutela dei migranti: questo, in estrema sintesi, il programma “sociale” di Ursula von der Leyen, la candidata alla presidenza della Commissione Europea che stasera forse verrà eletta. La ministra tedesca del partito di Angela Merkel è intervenuta durante la plenaria del Parlamento Europeo per convincere gli eurodeputati a darle fiducia.

Nel suo programma, largo spazio ai fenomeni migratori e alle relative politiche europee: «Il Mediterraneo è diventato una delle frontiere più letali al mondo», ha ricordato, sottolineando che «in mare c’è l’obbligo di salvare le vite». «L’Ue ha bisogno di frontiere umane», ha detto ancora; «dobbiamo salvare le vite, ma dobbiamo anche ridurre la migrazione irregolare, lottare contro gli scafisti». Ma anche «contro il crimine organizzato, tutelare il diritto di asilo e migliorare la condizione dei profughi per esempio tramite corridoi umanitari in stretta cooperazione con l’Onu». Infine, la candidata si è anche impegnata a farsi promotrice di una riforma del regolamento di Dublino.

In un comunicato odierno, «la Comunità di Sant’Egidio apprezza il passaggio dell’intervento» di Ursula von der Leyen «sulla necessità di “salvare le vite umane” nel Mediterraneo e di ricorrere ai corridoi umanitari per tutelare il diritto di asilo dei profughi che fuggono dalle guerre e da Paesi in cui non sono garantiti i diritti fondamentali. È la via che Sant’Egidio, insieme alle Chiese cattoliche e protestanti e all’impegno della società civile, sta praticando dal febbraio 2016 in Italia, Francia, Belgio e Andorra, riuscendo finora ad accogliere e ad integrare oltre 2.600 persone. Ma è anche un sistema che può essere adottato su più ampia scala dall’Unione Europea. È necessario che l’Europa affronti il fenomeno dell’immigrazione nel suo complesso aprendo nuove vie di ingresso regolare».

adista

Precedente La dimensione carismatica della Chiesa. Chiamati a camminare insieme (Stralci dell'intervento di Maria Voce all'incontro annuale dei segretari generali delle Conferenze episcopali d'Europa) Successivo Religiose insieme per l'accoglienza: l'appello a Mattarella e Conte