‘Corridoi umanitari’ in Libia, don Zerai: si può fare

Italia
Vatican News

(Fabio Colagrande) Secondo don Zerai, fondatore dell’agenzia Habeshia, l’appello del Papa per evacuare con corridoi umanitari i profughi detenuti in Libia potrebbe avere una risposta concreta con la collaborazione dell’Onu. “La situazione dei profughi in Libia è sotto agli occhi di tutti da tempo ed è aggravata ancora di più dal conflitto in corso. Papa Francesco ha ascoltato le grida disperate di persone che da settimane lanciavano queste richieste”.

Precedente Nuovo Polo Universitario Appalto a una ditta di Parma, gli industriali reggiani non ci stanno Successivo Yemen: famiglia di 7 persone vittima delle bombe. In 5 anni 233.000 morti