Crea sito

Ciclisti contromano? Si può in mezza Europa ma non in Italia

Bocciata dalla Commmissione Trasporti della Camera quella che solo qualche mese fa sembrava una piccola rivoluzione

La commissione Trasporti della Camera ha detto no: in Italia le biciclette non possono circolare contromano. Possono invece farlo in Inghilterra – era stato beccato contromano anche David Cameron, quando ancora non era permesso – in Germania, Francia, Belgio, Svizzera e nei sempre all’avanguardia paesi del Nord Europa.

Invece da noi il “senso unico eccetto bici” è stato bocciato e i bikers indisciplinati incorreranno in sanzioni esattamente come tutti gli utenti della strada, perdoni esclusi.

Ragioni di sicurezza e di praticità alla base delle rivendicazioni dei ciclisti: meglio avere le auto di fronte che non alle spalle e decisamente più comodo potersi muovere in città senza dover seguire la viabilità predisposta per le auto, spesso contorta.

Insomma, qualla che lo scorso febbraio si preannunciava come un’apertura concreta verso il mondo della bicicletta, sempre più affollato anche in conseguenza della crisi e dei costi di spostamento con auto e mezzi pubblici, si è tradotto in un nulla di fatto.

Il senso “libero” per le bici avrebbe tra l’altro riguardato alcune strade: quelle larghe almeno 4,25 metri, in zone con limite di 30 km/h, nelle zone a traffico limitato e in assenza di traffico pesante. Ma nulla da fare. Così dovranno ritornare sui propri passi anche città che avevano scelto di sperimentare – già nel 2012 a seguito di un parere favolrevole del Ministero dei Trasporti – questa possibilie rivoluzione a favore dei ciclisti: parliamo di Reggio Emilia, Lodi, Pesaro, Lodi e Bolzano.

La circolazione contromano resta vietata e i ciclisti sono quindi equiparati a qualunque utente della strada. Le multe sono salate, superando i 200 euro. Anni fa molti ciclisti circolavano con un cartello attaccato al sellino: “Ne abbiamo pieni i polmoni”. Chissà se protesteranno anche in questa occasione, in modo ironico e purtroppo rassegnato.

savonanews