Crea sito

Chiesa e web: Un aggregatore mondiale di siti cattolici insieme con Google per scoprire cosa chiedono i cattolici alla rete

chiesa.web.ipeg

Un aggregatore mondiale di siti cattolici insieme con Google per scoprire cosa chiedono i cattolici alla rete
Alessandro Speciale – vaticainsider
Città del Vaticano

Cosa si dice sul web sulla Chiesa? Cosa chiedono i cattolici – e non solo loro – alla rete? E quali sono gli argomenti di rilevanza etica e spirituale più discussi da chi usa internet? Per provare a rispondere a queste domande Aleteia, un aggregatore mondiale di siti cattolici che si presenta come il “network dei cercatori della verità su questioni di fede, vita e società”, si è alleata con il gigante della ricerca online Google.

Attraverso quello che in gergo si chiama “web listening”, ovvero l’ascolto della rete, il network – che oggi ha debuttato ufficialmente dopo anni in fase ‘beta’ – offre infatti la possibilità di analizzare i trending topics, gli argomenti al centro delle discussioni online su argomenti di rilevanza per la Chiesa.

In occasione del lancio delle nuove funzionalità del sito, Aleteia ha infatti presentato il primo rapporto “Web listening e spiritualità”, nato proprio dall’ascolto delle rete e che vuole offrire il quadro dei “trending topics etico religiosi del 2012 in rete”.

Dal rapporto emerge la preponderanza del pubblico statunitense e dei social network nel dibattito a tema religioso e spirituale sul web: più di due terzi delle menzioni arrivano da Oltreoceano e quasi la metà avvengono tramite i social network. Il tema è di interesse costante, senza picchi significativi tra un mese e l’altro, anche se la discussione online si fa più intensa, come prevedibile, quando salgono alla ribalta argomenti controversi come il matrimonio tra persone dello stesso sesso.

Gli altri temi caldi sono quelli dell’ambito bioetico, come l’aborto e l’eutanasia, mentre quando si parla più specificamente di questioni di fede, in Francia lo si fa soprattutto per discutere del rapporto con l’islam, in un Paese come il Messico ci si concentra sulla difesa delle minoranze mentre nel nostro Paese, forse un po’ a sorpresa, il tema più gettonato è quello della catechesi.

Per Luca Giuratrabocchetta, Head of Enterprise di Google Italy, “la collaborazione con Aleteia rappresenta una grande sfida: facilitare l’accesso a una quantità molto elevata di informazioni e favorire l’interazione tra una quantità enorme di utenti nel mondo in completa efficienza, affidabilità e sicurezza. Fin dal primo incontro con Aleteia ci siamo sentiti di intraprendere questo percorso insieme, mettendo a servizio del network l’esperienza e la tecnologia Enterprise (sia nel mondo Search che Cloud) che è parte del DNA di Google”.

Aleteia ha anche annunciato l’inizio della raccolta pubblicitaria da parte di AdEthic, un sistema per piazzare pubblicità ‘mirate’ sui siti web di argomento cattolico. Il network ha inoltre lanciato la prima app per smartphone e tablet, dedicata all’anno della fide e battezzata non a caso “Porta Fidei”. La app offrirà una copertura in tempo reale degli avvenimenti e pronunciamenti di Benedetto XVI e la Chiesa nel mondo durante tutto l’anno.