Crea sito

CELEBRAZIONE EUCARISTICA DI RINGRAZIAMENTO PER LA CANONIZZAZIONE DI GIOVANNI PAOLO II

beato-giovanni-paolo-ii

 

Città del Vaticano, 28 aprile 2014 (VIS). Alle 10:00 di questa mattina, in Piazza San Pietro, il Cardinale Angelo Comastri, Vicario Generale di Sua Santità per la Città del Vaticano e Arciprete della Basilica Papale di San Pietro, ha presieduto la celebrazione eucaristica di ringraziamento per la canonizzazione di Giovanni Paolo II.

La celebrazione eucaristica è stata preceduta dal saluto del Cardinale Stanislaw Dziwisz, Arcivescovo di Cracovia (Polonia), che fu segretario del nuovo santo. “Ieri – ha detto il Cardinale Dziwisz – sono stati ascritti fra i Santi due Papi beati. Il primo di essi è Giovanni XXIII, figlio della terra italiana, che si è meritato il titolo di Papa Buono. È stato lui a indire, più di mezzo secolo fa, il Concilio Vaticano II. Il secondo dei nuovi Santi, Giovanni Paolo II, figlio della terra polacca, il Papa della Divina Misericordia, ha conseguentemente messo in vita le decisioni del Concilio ed ha anche introdotto la Chiesa nel terzo millennio della fede cristiana”.

“Per questo doppio dono ringraziamo Dio. Ringraziamo per la testimonianza, straordinariamente trasparente, di amore e di servizio di tutti e due i pastori. (…) Per questo doppio dono ringraziamo di tutto cuore il Santo Padre Francesco. Ringraziamolo perché già il primo anno del suo pontificato ha preso la decisione della canonizzazione dei suoi Predecessori, fissandone la data nella Domenica della Divina Misericordia”, ha detto ancora il Cardinale Arcivescovo di Cracovia che ha concluso il suo intervento ringraziando anche a nome dei suoi connazionali “l’Italia e tutti i suoi abitanti per aver accolto tanto cordialmente, anni fa, Karol Wojtyla, come vescovo e papa, arrivato a Roma ‘da un paese lontano’. L’Italia è diventata per lui una seconda Patria. Oggi sicuramente Giovanni Paolo II la benedice dall’alto, come anche benedice la Polonia e il mondo intero. Nel suo cuore hanno trovato posto tutte le nazioni, le culture, le lingue”.

Nel ricordare le parole di Giovanni Paolo II: “I santi non ci chiedono di applaudirli, ma di imitarli”, il Cardinale Comastri ha invitato i pellegrini ad imitare il nuovo santo che “ha avuto il coraggio di dire apertamente la fede in Gesù in un’epoca di ‘apostasia silenziosa’ (…), il coraggio di difendere la famiglia (…), il coraggio di difendere la vita umana (…), il coraggio di difendere la pace, mentre soffiavano cupi venti di guerra (…), il coraggio di andare incontro ai giovani per liberarli dalla cultura del vuoto e dell’effimero e per invitarli ad accogliere Cristo, unica luce della vita e unico capace di dare pienezza di gioia al cuore umano”.