Lettera ai Parrocchiani di don Daniele Casini… saluto a Sr. Christa, Lunedì 29 agosto 2016

Reggio Emilia 18 Agosto 2016

Cari Parrocchiani,

                                alla festa dell’Assunta abbiamo annunciato, dopo 9 anni esatti dal suo arrivo in Italia (era il 16 agosto 2007), il rientro definitivo in India di Sr. Christa, il martedì 30 agosto p. v.

Negli ultimi due anni l’abbiamo vista solo a Natale, Pasqua, in estate, perché era stata inviata dalla precedente Madre Superiora a studiare a Roma per diventare Maestra delle Novizie. Con il cambio della Madre nell’aprile scorso, anche per Sr. Christa sono cambiati i progetti in una maniera impensata: dovrà occuparsi della formazione delle Novizie sì, ma in Etiopia, non in India. Peraltro adesso ritorna in India non sapendo ancora con certezza la data dell’invio nella missione africana…

Le è chiesto comunque di fare un bel salto nella sua vita e promettiamo fin da ora di accompagnarla con la preghiera!

Abbiamo pensato anche di darle un saluto che stavolta appunto sarà…. definitivo e vi annuncio che la data scelta è la sera di lunedì 29 agosto alle 19, alla vigilia della partenza (a dire il vero è l’unica data rimasta perché vogliamo attendere il rientro di Sr. Sneha dalla sua vacanza in Kerala: rientrerà appunto la sera di venerdì 26; il sabato 27 io e mons. Gazzotti abbiamo due matrimoni a testa, domenica 28 non si può fare….).

Quindi l’invito è per tutti voi il lunedì 29 alle 19 in Santa Teresa con la Messa di saluto presieduta dal Vescovo Adriano e, a seguire, cena a base di sapori e ingredienti della tradizione del Kerala, grazie ai rinforzi che verranno dalle Suore di Montecchio e Bibbiano.

Sarà anche un’occasione spero per salutarci dopo due mesi almeno in cui non ci siamo visti, E ri-.cominciare con una Messa e una festa mi sembra una bellissima cosa! E vi prego di non rispondermi come gli invitati alle nozze della parabola odierna del Vangelo…

Un caro saluto a tutti…

don  Daniele Casini

Casini-don-Daniele-zoom

Be Sociable, Share!

Domenica 13 Dicembre 2015 Apertura della Porta della Misericordia

giubileo2

LE INDICAZIONI PER LA CHIESA UNIVERSALE

Il Pontificio Consiglio della Nuova Evangelizzazione, su mandato del Papa, ha pubblicato nelle scorse settimane il Rito di apertura della Porta della Misericordia nelle Chiese particolari. Ecco in sintesi le indicazioni affinché i parroci possano avvisare adeguatamente i fedeli nelle Messe di domenica 6 e martedì 8 dicembre — nonché tramite i bollettini e i siti parrocchiali — e invitando i fedeli a partecipare alla inaugurazione diocesana del Giubileo.

1. Il giorno dell’apertura: 13 dicembre 2015, terza Domenica di Avvento

Il Santo Padre Francesco nella Bolla Misericordiæ Vultus (= MV) ha stabilito che l’Anno Santo si aprirà per tutta la Chiesa l’8 dicembre 2015, solennità dell’Immacolata Concezione della Beata Vergine Maria e 50° della conclusione del Concilio Ecumenico Vaticano II. In Vaticano, quel giorno il Papa aprirà la Porta Santa della Basilica di San Pietro. La domenica successiva, 13 dicembre, terza domenica di Avvento (o domenica Gaudete), si aprirà la Porta Santa nella Cattedrale di Roma, la Basilica di San Giovanni in Laterano. Il Santo Padre ha stabilito che «nella stessa domenica in ogni Chiesa particolare, nella Cattedrale che è la Chiesa madre per tutti i fedeli… si apra per tutto l’Anno Santo una uguale Porta della Misericordia» (MV 3).

2. Il luogo: la Cattedrale

L’Eucaristia che inaugura il Giubileo nelle Chiese locali con l’apertura della Porta della Misericordia sarà unica e verrà dunque celebrata nella Cattedrale. Il Papa nella MV ha indicato la possibilità di aprire una Porta della Misericordia anche nella concattedrale o in una chiesa di speciale significato (tipo i Santuari).

Come spiegato al nostro clero a settembre, l’indicazione della Commissione diocesana del Giubileo riunitasi quest’estate e fatta propria dal Vescovo con il suo Consiglio episcopale, è stata quella di aprire in Diocesi la Porta della Misericordia solo nella Cattedrale, valorizzando i pellegrinaggi giubilari presieduti dal Vescovo alla chiesa madre. Se l’indulgenza giubilare, oltre che a Roma nelle Basiliche papali, si potrà dunque ricevere attraversando la Porta della Misericordia della nostra Cattedrale, sarebbe impensabile che tutte le Confessioni richieste come condizione per l’indulgenza avvengano in Cattedrale! La Commissione ha perciò proposto di individuare per ogni Vicariato una o più chiese dette “della riconciliazione” (non sarebbe corretto chiamarle “chiese giubilari”), dove i sacerdoti di quella zona si impegnano a dedicare tempo ed energie durante tutto l’anno o in alcuni periodi specifici per mettersi al servizio delle Confessioni dei fedeli — è infatti il confessionale la Porta Santa dell’anima, secondo un’espressione efficace di Papa Francesco — e per prepararsi, meglio se comunitariamente, ai pellegrinaggi in Cattedrale.

3. Una solenne concelebrazione presieduta dal Vescovo

Un’indicazione che pare ovvia, ma che viene motivata sia per l’indole del giorno del Signore che per la tradizione ecclesiale e per la circostanza straordinaria dell’Anno Giubilare, è che il Vescovo diocesano presieda l’intera celebrazione. La Messa del 13 dicembre 2015 si configurerà come una Messa stazionale (vale a dire che si parte in processione da una statio, da una chiesa vicina alla Cattedrale). Come tale, i presbiteri (si sottintende il presbiterio nella sua unità e completezza) concelebrano con il Vescovo; i diaconi, gli accoliti e i lettori svolgono ciascuno il proprio ministero, e i fedeli sono convocati perché accorrano numerosi alla celebrazione.

4. Il segno specifico della celebrazione di apertura

«Nell’ambito della celebrazione eucaristica, il segno specifico dell’inaugurazione dell’Anno Santo straordinario à l’apertura della Porta della Misericordia e l’ingresso processionale della Chiesa locale — Vescovo, clero, popolo — nella Cattedrale, chiesa madre per tutti i fedeli, dove il Pastore della Diocesi svolge il suo magistero, celebra i divini misteri, compie la liturgia di lode e di supplica, guida la comunità ecclesiale».

Lo svolgimento della celebrazione si articola in cinque momenti:

  • la statio in una chiesa significativa e ampia;

  • il cammino processionale, che sarà il primo pellegrinaggio dell’Anno Santo (il pellegrinaggio è segno peculiare del Giubileo, perché, scrive il Papa, «icona del cammino che ogni persona compie nella sua esistenza»);

  • l’apertura della Porta della Misericordia e l’ingresso in Cattedrale;

  • la memoria del Battesimo;

  • la celebrazione dell’Eucaristia.

5. L’apertura della Porta della Misericordia e l’ingresso in Cattedrale

«L’ingresso nella Cattedrale avviene attraverso la porta principale che, come eminente simbolo cristologico (cfr. Gv 10,7.9), costituisce la Porta della Misericordia, costante richiamo dell’indole di questo Giubileo straordinario». Verrà valorizzata la sosta sulla soglia della porta: «prima di varcarla, il Vescovo si fermerà e con lui si arresta tutta la processione; la sosta inoltre implica l’apertura della porta e l’ostensione solenne del Libro dei Vangeli, parola di misericordia, prima verso l’esterno e poi verso l’interno della Cattedrale. Terminata la sosta sulla soglia della porta, il Vescovo, recando il libro dei Vangeli, con i concelebranti e i ministri si dirige processionalmente verso l’altare; i fedeli si recano ai posti loro assegnati».

A partire dal giorno successivo fino al 13 novembre 2016, per passare attraverso la Porta della Misericordia, appositamente preparata per questo Giubileo e caratterizzata dall’iconografia di Gesù Buon Pastore che carica sulle sue spalle la pecorella smarrita (il riferimento è alla parabola che verrà proclamata all’inizio della celebrazione del 13 dicembre), l’accesso sarà dal portone di sinistra della nostra Cattedrale (quello, per intenderci, dalla parte del Battistero del Duomo).

6. Memoria del Battesimo e celebrazione dell’Eucaristia

Porta d’ingresso nella Chiesa comunità è il sacramento del Battesimo. Il rito di benedizione e di aspersione con l’acqua — il primo rito che verrà compiuto entrati in Cattedrale — ne costituisce memoria viva.

La celebrazione dell’Eucaristia — viene ricordato con un’ampia citazione del Messale Romano — è centro di tutta la vita cristiana per la Chiesa universale, per quella locale e per i singoli fedeli. Per questo «essa costituisce il vertice della celebrazione di apertura del Giubileo».

* * *

LE INDICAZIONI PER LA NOSTRA DIOCESI

1. La convocazione in Ghiara e inizio alle 15.30

Domenica 13 dicembre il clero, i diaconi, i religiosi, le religiose, le persone consacrate, i fedeli laici sono convocati nella Basilica della Ghiara. La Basilica sarà aperta dalle ore 15; i presbiteri si preparano in sacrestia, portando con sé solo il camice; ad ogni concelebrante verrà donata infatti la stola violacea del Giubileo. Anche i diaconi si preparano in sacristia, portando con sé sia il camice che la stola diaconale violacea. Tutti gli effetti personali verranno trasportati +nelle sacrestie della Cattedrale dal Gruppo Diocesano di Servizio, durante la processione.

Alle 15.30, nella Basilica della Ghiara, inizia la celebrazione di apertura del Giubileo con i riti di introduzione: canto dell’Inno del Giubileo, segno della croce e saluto, invito a benedire e lodare Dio, esortazione del Vescovo e orazione, proclamazione del Vangelo (Lc 15,1-7), lettura dell’inizio della Bolla di indizione del Giubileo straordinario.

Alle 15.45 partirà la processione che esce dalla Ghiara e, percorrendo la via Emilia, si raggiungerà la piazza del Duomo.

Alle 16.15 avverrà dunque il rito dell’apertura della Porta della Misericordia e, dopo l’ingresso in Cattedrale, si celebrerà la memoria del Battesimo, poi la Liturgia della Parola e la Liturgia eucaristica della III domenica di Avvento.

2. Il gesto della carità nella Giornata diocesana della Caritas

All’inizio della Liturgia eucaristica, insieme al pane e al vino per il rendimento di grazie verranno portate all’altare le offerte raccolte per la Caritas diocesana nelle Messe del mattino in ciascuna chiesa parrocchiale, secondo la tradizione ormai consolidata nella terza domenica di Avvento. Come annunciato, le offerte di questa domenica che inaugura il Giubileo saranno destinate per realizzare una nuova opera-segno (analogamente alle due opere segno realizzate nel Giubileo del 2000, la Mensa Caritas e l’Hospice di Montericco): un dormitorio per coloro che ne necessitano, adiacente alla sede della Caritas Diocesana, in via Adua.

Il pane e il vino per la celebrazione saranno recati in processione da persone consacrate e da alcune famiglie, non dimenticando la grazia dell’Anno della vita consacrata e del Sinodo sulla famiglia. Saranno i diaconi permanenti o i referenti Caritas di ogni parrocchia / unità pastorale a consegnare nelle mani del Vescovo l’offerta per la carità.

3. Un crocifisso per ogni chiesa della riconciliazione e una stola per ogni presbitero

Al termine dell’Eucaristia, prima della benedizione, verranno annunciate le chiese della riconciliazione in Diocesi e ai parroci o rettori di queste chiese il Vescovo consegnerà il crocifisso del Giubileo da porgere al bacio dei penitenti.

La stola violacea del Giubileo che ogni presbitero indosserà fin dalla Ghiara sarà anch’essa un dono del Vescovo non solo per un ricordo di questa concelebrazione straordinaria, ma soprattutto per rammentare ad ogni sacerdote la grazia e il compito in questo Anno Santo di dedicare più preparazione e più tempo, con calma e distensione, per una dignitosa e fruttuosa celebrazione della Confessione secondo il Rito della Penitenza, affinché sia veramente una celebrazione della misericordia di Dio e della conversione dell’uomo. Si ricorda inoltre che il Papa ha concesso per questo anno a tutti i sacerdoti «la facoltà di assolvere dal peccato di aborto quanti lo hanno procurato e pentiti di cuore ne chiedono il perdono».

Ai sacerdoti, impediti di partecipare alla celebrazione di domenica 13 per anzianità o malattia o altra difficoltà, il Vescovo stesso (o tramite i Vicari foranei), consegnerà la stola giubilare preparata anche per loro, affinché si mettano a disposizione, per quanto possibile, per le Confessioni nelle parrocchie.

4. La sospensione delle Messe vespertine

Data la circostanza straordinaria dell’inaugurazione dell’Anno giubilare, si dispone che domenica 13 dicembre vengano sospese tutte le Messe vespertine nelle chiese del Centro storico. Per favorire la partecipazione di tutto il clero, diocesano e religioso, a questa concelebrazione unica, analoga determinazione può essere presa dai singoli parroci di tutte le altre parrocchie o unità pastorali della Diocesi, spiegando per tempo ai fedeli il motivo straordinario di questa decisione.

a cura di don *Daniele Casini

*Direttore Ufficio Liturgico Diocesi Reggio Emilia – Guastalla

Be Sociable, Share!

Parrocchie del centro storico Reggio Emilia: Corsi per fidanzati in preparazione al matrimonio 2015-16

GIovani-fidanzati

Parrocchie del centro storico

Corsi per fidanzati in preparazione al matrimonio

2015 – SANTO STEFANO (città)

Lunedì  5 Ottobre “Il sacramento del matrimonio” – rel. diacono Enrico Grassi

Lunedì 12 Ottobre “La parola di Dio fondamento del matrimonio” – rel. coniugi Fortelli

Lunedì 19 Ottobre “La relazione e le sue difficoltà”- rel. dott. Soliani

Lunedì 26 Ottobre “La conoscenza della fertilità” – rel. dott. Soliani

Martedì 3 Nov. “I corrosivi del matrimonio, ovvero essere buoni osservatori”- rel. coniugi Cavalca

Lunedì 9 Novembre “Il dialogo nella coppia” – rel. coniugi Bedogni

Lunedì 16 Novembre “I figli dono di Dio” – rel. diacono Enrico Grassi

2016 – SANT’AGOSTINO

Lunedì  4 Gennaio “Il sacramento del matrimonio” – rel. diacono Enrico Grassi

Lunedì 11 Gennaio “La parola di Dio fondamento del matrimonio” – rel. coniugi Fortelli

Lunedì 18 Gennaio “La relazione e le sue difficoltà”- rel. dott. Soliani

Lunedì 25 Gennaio “La conoscenza della fertilità” – rel. dott. Soliani

Lunedì 1 Feb. “I corrosivi del matrimonio, ovvero essere buoni osservatori”- rel. coniugi Cavalca

Lunedì 8 Febbraio “Il dialogo nella coppia” – rel. coniugi Bedogni

Lunedì 15 Febbraio “I figli dono di Dio” – rel. diacono Enrico Grassi

2016 – SANTO STEFANO (città)

Lunedì  4 Aprile “Il sacramento del matrimonio” – rel. diacono Enrico Grassi

Lunedì 11 Aprile “La parola di Dio fondamento del matrimonio” – rel. coniugi Fortelli

Lunedì 18 Aprile “La relazione e le sue difficoltà”- rel. dott. Soliani

Martedì 26 Aprile “La conoscenza della fertilità” – rel. dott. Soliani

Lunedì 2 Mag. “I corrosivi del matrimonio, ovvero essere buoni osservatori”- rel. coniugi Cavalca

Lunedì 9 Maggio “Il dialogo nella coppia” – rel. coniugi Bedogni

Lunedì 16 Maggio “I figli dono di Dio” – rel. diacono Enrico Grassi

 

–         Tutti i corsi si terranno alle ore 21 presso le Parrocchia di Santo Stefano e di San’Agostino. Al termine di ogni corso si terrà un momento di festa e condivisione in cui verrà anche rilasciato l’attestato di partecipazione.

–         le prenotazioni si fanno presso la parrocchia in cui si tengono i corsi o presso il responsabile degli stessi diacono Enrico Grassi cell. 3389805145

–         il corso è gratuito ma si può collaborare “volontariamente” con offerta al fine dello stesso!

Be Sociable, Share!

Soli Deo Gloria – Stagione concertistica 2014 Domenica 16 novembre ore 17 Chiesa di Santo Stefano – via Emilia Santo Stefano

Domenica 16 novembre ore 17 • Reggio Emilia, Circoscrizione Città Storica
Chiesa di Santo Stefano – via Emilia Santo Stefano 32
Istvan Batori organo
Coro della Cappella Musicale San Francesco da Paola – Silvia Perucchetti direttore
Musiche di J. U. Steigleder, J. S. Bach, J. Brahms, O. di Lasso, canto gregoriano

organo.canne

 

Be Sociable, Share!

150° della “Panizzi”, Vecchi: “Da qui cultura e educazione, che migliorano la nostra democrazia”

Panizzi

“La Biblioteca Panizzi è un’istituzione, nel senso più pieno del termine, cioè un punto di riferimento per tutti, perché credibile, autorevole e vicina alle persone nel diffondere cultura, sapere ed educazione”. Così il sindaco di Reggio Emilia, Luca Vecchi, intervenuto l’11 ottobre 2014 all’inaugurazione della mostra La Biblioteca la Città. Palazzo San Giorgio: storia, cronaca, protagonisti.

comune.re.itghiara.reggio.emilia

Be Sociable, Share!

ISTITUTO COMPRENSIVO A. MANZONI… Inaugurazione Anno Scolastico Martedì 16 Settembre 2014 – Ore 20,45 Concerto Coro dei Ragazzi di Motýli-Olomouc Chiesa di Santo Stefano

  ISTITUTO COMPRENSIVO A. MANZONI

       In collaborazione con:

        Provincia di Reggio Emilia

Coro dell’Università di Modena e Reggio Emilia

          Inaugurazione Anno Scolastico 2014-2015

Concerto

Coro dei Ragazzi di Motýli-Olomouc

Children’s Choir Motýli Šumperk

Direttori: Helena Stojaniková  – Tomáš Motýl

Martedì 16 Settembre 2014 – Ore 20,45

Chiesa di Santo Stefano

Via Emilia Santo Stefano, 30

Musiche di Bach, Vivaldi, Mendelssohn, Miloš Bok.

 

Be Sociable, Share!

Nuovi Orari Celebrazioni in Santo Stefano

Durante il mese di Agosto 2015 nuovi orari Celebrazioni in S. Stefano

– Messa Domenicale ore 10 si celebra il 2, 9, 16, 23, 30 Agosto

– Messa Prefestiva Sabato ore 19 si celebra  il 1, 8, 15, 22 e 29 Agosto

– Messa Prefestiva Assunzione di Maria si celebra Venerdì 14 Agosto ore 19

– Il 15 Agosto sospesa S. Messa festiva ore 10 in S. Stefano  si celebra in Duomo per tutte le parrocchie del Centro storico alle ore 11

– La S. Messa Feriale ore 19  è sospesa dal Lunedì al Venerdì

 

orari.celebrazioni

Be Sociable, Share!

Dal 3 all’8 settembre torna la Giareda

La festa per la Natività di Maria è uno degli appuntamenti più cari ai reggiani fin dagli anni ’80. Ogni anno il manifesto della Giareda propone un’icona mariana. Quest’anno i padri Servi di Maria hanno scelto un’opera del confratello padre Fiorenzo Maria Gobbo, scomparso pochi mesi fa. Si tratta dell’affresco “Reggioalla sua Regina” realizzato da Padre Fiorenzo nel 1969 nel chiostro del convento delle Ghiara.
La Madonna della Ghiara è raffigurata con due elementi che accompagnano la venerazione dei fedeli nel Santuario: c’è il richiamo alla sua incoronazione come Regina di Reggio e ai numerosi miracoli attribuiti alla sua intercessione, come testimoniano i documenti storici e le tele nei quattro bracci del Tempio. In alto si vedono gli angeli che pongono una corona sul capo della Vergine Madre. In basso si vedono i reggiani, clero e laici, sani e malati, che onorano e supplicano la loro Regina. Cielo e terra fanno corona alla Madre del Signore.

Ecco il programma della edizione di quest’anno, la 35esima:

Mercoledì 3 settembre

ore 17.00 Piazza Gioberti
Inaugurazione della 35^ Giareda
alla presenza delle Autorità religiose e civili

ore 21.00 Basilica della B.V. della Ghiara
Concerto di musica sacra
Haec Dies: Il tempo dell’uomo, il tempo di Dio
Organo: Federico Bigi, Coro: “Amorosa Vox”
Annalisa Vandelli, direttrice
a cura della Comunità dei Servi di Maria

Giovedì 4 settembre

ore 17.00 Basilica della B.V. della Ghiara
Presentazione e premiazione mostra “Altari Fioriti
Allestimento a cura dei fioristi reggiani aderenti a
Confcommercio e Confesercenti, con il contributo benefico di Banco S. Geminiano e S. Prospero e Unipol Assicurazioni

ore 18.30 S. Messa dei novelli sacerdoti ordinati nel 2014

ore 21.00 Teatro di Sant’Agostino
VI^ Rassegna Regionale Cori Polifonici
Coro “Albinetano” M. Giorgio Delmonte, direttore
Coro “Cinquecerri” M. Amerigo Battilani, direttore
Coro“Tanto per cantare” M. Luciano Bonacini, direttore
A cura del coro polifonico Uisp di Reggio Emilia

Venerdì 5 settembre

ore 18.00 Sala Rossa, Sede Municipio, piazza Prampolini 1
XXXV° Concorso Poesia Dialettale La Giareda,
a cura della Fabbriceria della B.V. della Ghiara

Sabato 6 settembre

ore 16.30 Rito della Benedizione dei Bambini

ore 18.30 S. Messa
canti del coro di Prato di Correggio
Elena Nicolini, direttrice

ore 21.00 Sagrato della Basilica
Concerto della Filarmonica Città del Tricolore
Stefano Tincani, direttore

ore 21.00 ed ore 22.00 visita guidata al Museo della Ghiara
a cura della Fabbriceria della B.V. della Ghiara

Domenica 7 settembre

Basilica della B.V. della Ghiara

Sante Messe ore 7.30 9.30 11.00 12.00 18.30 20.30

ore 9.30 Coro di Roncaglio
Sara Rossi, direttrice

ore 11,00 e ore 12,00
Coro B.V. della Ghiara
Paola Tognetti, direttrice

ore 18,30 Coro Isicoro di Rivalta
Francesco Trapani, direttore

* * *

dalle 9.00 alle 12.30 e dalle 15.30 alle 19.00
piazza Prampolini
Soli Deo Gloria. Organi, Suoni e Voci della Città
Rassegna regionale campanari
in omaggio alla Madonna della Ghiara
a cura dell’Unione Campanari Reggiani

ore 21.00 ed ore 22.00 visita guidata al Museo della Ghiara
a cura della Fabbriceria della B.V. della Ghiara

Lunedì 8 settembre – Giorno della Natività della Beata Vergine Maria

Basilica della B.V. della Ghiara

ore 6.00 Canto dell’Ufficio delle Letture e delle Lodi mattutine con le Case della Carità

ore 7.15 Santa Messa

ore 9.00 Santa Messa con il Coro S. Maria – P. Remigio

ore 11.00 Solenne Concelebrazione presieduta da Mons. Massimo Camisasca, Vescovo di Reggio Emilia – Guastalla, in apertura del nuovo Anno pastorale
canti del Coro Diocesano
sono presenti le autorità cittadine

ore 16.00 Santa Messa

ore 17.30 Santo Rosario

ore 18.30 Santa Messa presieduta da Sua Ecc. Mons. Adriano Caprioli vescovo emerito di Reggio Emilia – Guastalla
Canti del Coro B.V. della Ghiara
BASILICA DELLA B.V. DELLA GHIARA

Tutti i giorni, in preparazione alla festa,
S. Messa e predicazione mariana
con P. Luciano M. Masetti dell’Ordine dei Servi di Maria

Sante Messe nei giorni feriali: ore 7.30 9.00 11.00 18.30
Recita del Santo Rosario ore 17.45

Eventi collaterali

Sabato 6 e domenica 7 settembre
Chiostro Grande della Ghiara
XXIII^ Mostra Nazionale Bonsai Suiseki
XI° Progetto Futuro
a cura di Helen Club Bonsai

Sabato 6 e domenica 7 settembre
Festa in strada
in largo degli Alpini e piazza 24 maggio
a cura dell’Associazione Commercianti i Porta Castello

Sabato 6 settembre
Piazza Prampolini
dalle ore 14.00 alle ore 20.00
Esserci sempre
a cura della Polizia di Stato – Questura di Reggio Emilia

Sabato 6 settembre
Piazza Martiri del 7 Luglio
dalle ore 17.00: Grande festa dei popoli
danze, canti e musiche dal mondo
a cura dell’Associazione Balliamo sul Mondo

…tutti i giorni in corso Garibaldi

stand di artigianato artistico
presenze del mondo solidale e la tradizione delle bancarelle

La festa del “Pan De Re” e delle eccellenze reggiane
dal 3 all’8 settembre
Piazza Gioberti
pane a qualità controllata in filiera corta reggiana
agricoltori con i prodotti della terra
prodotti tipici della montagna

a cura dell’Associazione Panificatori Confcommercio,
Coldiretti, Confagricoltura, Confederazione Italiana Agricoltori, Ugc-Cisl

laliberta.info

Madonna-Ghiara-G-Bianchi

Be Sociable, Share!