Koine: il turismo religioso riparte dalla fiera di Vicenza

Pellegrinaggio sulla Via Francigena

vaticannews

Marco Guerra – Città del Vaticano

I cammini, i percorsi di fede, le visite a santuari e monasteri e la fruizione dell’arte sacra. I luoghi dello spirito si prestano meglio di altri alla valorizzazione un turismo slow, sostenibile e accessibile, su cui vuole puntare il comparto degli operatori italiani dopo la pandemia del coronavirus. Questo sarà il focus al centro di Koinè – XIX International Exhibition of Sacred Arts – la manifestazione organizzata da Italian Exhibition Group alla fiera di Vicenza dal 25 al 27 ottobre 2020, con il patrocinio della diocesi di Vicenza e il supporto attivo della Conferenza episcopale italiana.

Ripensare la fruizione dei luoghi

Gli operari del settore e i tour operator hanno riconosciuto che il grande patrimonio dell’Italia offre una ricca e varia mappa di luoghi particolarmente cari al pellegrino ma anche al turista in cerca di natura, genuinità e raccoglimento. Per questo motivo – spiegano gli organizzatori in una nota – la Fiera sarà l’occasione per incontrare i primi destinatari di un’offerta turistica che, sottolineano, è già orientata ai requisiti imposti dalla pandemia, primo su tutti quello del social distancing, e può dunque contribuire alla ripresa dell’intero settore, indicato tra le filiere da valorizzare nel piano nazionale di riforme “Progettiamo il rilancio” e discusso dagli Stati generali convocati dal Governo a Villa Pamphilj.

Lavorare sul digitale

La promozione delle mete della fede riparte anche da una comunicazione incentrata sulla fiducia per trasmettere un messaggio di sicurezza e professionalità e sull’integrazione delle tecnologie digitali che durante il lockdown ha subito un’accelerazione.  “Stiamo lavorando sul digitale con la cura necessaria perché la rete diventi una risorsa di comunione e di condivisione”, riferisce Alberto Porro, responsabile Marketing Edizioni Terra Santa, che in Koinè vede “una vetrina molto importante e un’occasione di incontro diretto con i parroci e con i responsabili della comunicazione in parrocchia”, cui ha messo a disposizione, grazie all’iniziativa Solidarietà Digitale, una app per mantenere un contatto diretto con le comunità cristiane e avvicinarle alla Terra Santa.

L’impegno delle Regioni

Hanno deciso di puntare sulle grandi vie di pellegrinaggio e gli itinerari spirituali le aziende di promozione turistica delle Regioni Veneto, Friuli Venezia Giulia e Toscana, proprio per “permette di conoscere un territorio in maniera profonda, attraverso una fruibilità sicuramente più consapevole e una modalità sostenibile”.

Esperienza diversa dal turismo di massa

Si tratta quindi di un turismo che punta sull’accoglienza dei territori che ripensano la fruizione “mordi e fuggi” del turismo di massa, come spiega a Vatican News Paolo Audino, brand director di Italian Exhibition Group, società organizzatrice di eventi che gestisce le fiere di Vicenza e Rimini: “Il turismo è uno dei settori che ha avuto i maggiori contraccolpi della pandemia, rispetto al quale ci sono stati molti ripensamenti. Il turismo religioso parla di accessibilità, territorio, comunità e accoglienza di un turista che diventa un cittadino temporaneo del territorio e in una manifestazione come Koinè è giusto che ci si occupi di questo”.

“Noi puntiamo molto su questo tema perché la spiritualità di questo tipo di turismo è diametralmente opposta al turismo meramente consumista – prosegue Paolo Audino – ci sono anche ripercussioni positive per i territori, perché il viaggiatore ha un approccio più profondo, la mobilità è più sostenibile. Tutta questo fa sì che il contatto con il territorio avvenga attraverso dinamiche anche commerciali ma più legate alla comunità locale, saranno ad esempio le piccole botteghe artigiane e la ristorazione locale a beneficiarne”.

PLICHI BOMBA A ROMA, SI SEGUE LA PISTA ANARCHICA

ansa

SONO ESCLUSI COLLEGAMENTI TRA LE TRE DESTINATARIE Si segue la pista anarchica antimilitarista in relazione ai tre plichi esplosivi recapitati tra domenica e lunedì a tre donne, due a Roma e una a Fiumicino. E’ quanto emerge al termine di un vertice tra pm, carabinieri del Ros e Digos svolto a piazzale Clodio. Al momento non si può escludere che ci siano altri pacchi esplosivi in circolazione. Dalle indagini si escludono rapporti di conoscenza tra le tre vittime, sia personali che professionali. Al momento non è arrivata alcuna rivendicazione.