Arma dei carabinieri. Reclutamento di 3.700 allievi

Reclutamento di 3.700 allievi

da Avvenire

È in Gazzetta ufficiale il bando di concorso per il reclutamento di 3.700 allievi carabinieri. Si tratta di un concorso aperto a tutti: possono partecipare sia militari che civili, sebbene in quota minoritaria rispetto ai posti messi a disposizione. Il 70% dei posti è infatti riservato a militari in servizio o congedati come VFP1 e VFP4; il 30% per civili in possesso dei requisiti previsti dal bando. Per candidarsi al concorso è necessario il possesso dei requisiti generali di partecipazione alle selezioni pubbliche, come: maggiore età; cittadinanza italiana o in uno degli Stati Membri dell’Unione Europea, in Paesi Terzi con regolare permesso di soggiorno di lungo periodo oppure titolarità dello status di rifugiato (previa verifica della conoscenza della lingua italiana); godimento dei diritti civili e politici; non essere esclusi dall’elettorato politico attivo oppure destituiti, dispensati o licenziati da una pubblica amministrazione; non aver riportato condanne penali o procedimenti penali in corso che impediscano l’instaurarsi di un rapporto di pubblico impiego; idoneità fisica all’impiego; posizione regolare nei confronti degli obblighi di leva per i candidati di sesso maschile nati entro il 1985.


Nel bando sono indicati anche requisiti più specifici che variano a seconda del procedimento per cui si concorre. Per militari e congedati: età inferiore a 28 anni (non compiuti); licenza media.

Per civili: età inferiore a 26 anni (non compiuti); diploma di maturità.

Ci saranno una prova scritta e una pratica: la prova scritta con 100 quesiti a risposta multipla di logica e cultura generale; la prova pratica, consistente in un accertamento sanitario e attitudinale per l’ottenimento dell’idoneità fisica. I candidati che avranno ottenuto l’idoneità fisica all’impiego saranno inseriti in una graduatoria di merito stilata in base ai risultati della prova scritta e dei titoli posseduti.

Be Sociable, Share!
Precedente Aism. Sclerosi multipla, tagli in vista? I malati si mobilitano sui social (e non solo) Successivo Salone dello studente. L'occupazione nel non profit