Angkhana e Kumar, i «Nobel» dei diritti umani in Asia

Mondo e Missione

Angkhana Neelapaijit (Thailandia)

(Stefano Vecchia) Tra i premiati dell’edizione 2019 del Magsaysay Award la donna thailandese che denuncia il fenomeno degli attivisti fatti scomparire dai militari e il giornalista tv indiano che attraverso la diffusione dell’hindi combatte le discriminazioni — Il 9 settembre, a Manila, è stato consegnato il premio annuale soprannominato il “Nobel per la Pace asiatico” che riconosce l’impegno di cinque personalità della politica, della cultura e dell’attivismo che si sono distinte nell’opera – sovente rischiosa – di contrastare violenza, discriminazione, malaffare e corruzione.

Precedente Il Pime: “Anche Milano è terra di missione” Successivo A novembre Papa Francesco torna in Asia. Le Visite in Giappone e in Thailandia. Dialogo interreligioso, disarmo nucleare e ricordo della Missione di Siam. VIII Pellegrinaggio asiatico del Santo Padre