Crea sito

Alì Agca in Vaticano, porta fiori sulla tomba di Papa Wojtyla

Un’immagine di archivio del dicembre 1983, ritrae Papa Giovanni Paolo II mentre parla con il suo attentatore Mehmet Ali Agca, nel carcere di Rebibbia. ANSA © ANSA

Alì Agca, l’uomo che tentò di uccidere papa Giovanni Paolo II il 13 maggio 1981, si è recato oggi in Vaticano e ha portato un mazzo di fiori sulla tomba di Papa Wojtyla. Lo riferiscono fonti vaticane. Agca sarebbe stato riconosciuto in piazza San Pietro da un poliziotto che l’avrebbe accompagnato negli uffici dell’Ispettorato Vaticano per un controllo sui documenti. Agca ha già lasciato gli uffici di polizia.

“Sentivo la necessità di fare questo gesto”: così Ali Agca ha spiegato negli uffici dell’Ispettorato di Polizia l’ intenzione di portare fiori sulla tomba del Papa al quale sparò nel 1981. Agca è arrivato ieri in auto a Roma dall’ Austria. A chi ha avuto modo di incontrarlo ha mostrato un atteggiamento tranquillo. L’ ex terrorista turco è arrivato verso le 12:45 negli uffici dell’ Ispettorato di Polizia in Vaticano e vi è rimasto per circa mezz’ora, il tempo necessario per la verifica dei documenti e del passaporto. Poi è uscito per andare a rendere omaggio a Giovanni Paolo II.

LE TAPPE DEL “LUPO GRIGIO”

CHI È ALI AGCA – Alì Agca attentò alla vita di Giovanni Paolo II il 13 maggio 1981, sparando contro il pontefice un colpo di pistola a piazza san Pietro. In un’intervista all’ANSA, il 15 dicembre scorso (VIDEO e TESTO), Agca aveva in qualche modo preannunciato questa ‘visita’ in Vaticano. “Vorrei andare sulla tomba di Giovanni Paolo II, che mi ha fatto visita in carcere. Non ho potuto partecipare ai suoi funerali e quindi vorrei rendergli omaggio come a un fratello spirituale”, aggiungendo però che il Governo non gli concedeva il visto.

Giovanni Paolo II aveva personalmente perdonato, e ben due volte, il suo attentatore. La prima volta lo fece già durante la degenza al Gemelli, subito dopo essere stato ferito dai colpi all’addome. La seconda fu quando il Papa incontrò il killer turco nel carcere di Rebibbia, il 27 dicembre dell’83. In quell’ occasione papa Wojtyla rinnovo’ il suo perdono.