Sindone, nuova analisi: “Non ci sono prove che sia medievale”

repubblica

I dati grezzi e nuove conclusioni dimostrano come la tesi pubblicata su Nature nel 1988 non fosse affidabile. Niente da fare: non esistono prove in grado di supportare la teoria che la Sacra Sindone sia medievale. Nel 1988 fu effettuata una datazione radiocarbonica sulla reliquia da molti ritenuta il lenzuolo funebre di Gesù. Il risultato pubblicato sulla rivista Nature fu chiaro: la Sindone, conservata nel Duomo di Torino, è medievale (1260-1390 d. C.). Fino ad ora, questa conclusione era stata ritenuta dalla maggior parte degli scienziati come una confutazione dell’autenticità del telo. 

Precedente Messa a Santa Marta. La pace che fa sorridere il cuore Successivo Morti sul lavoro, tagliate le indennità alle famiglie