“La Sindone non è di epoca medievale. Servono nuovi studi per conoscerne l’età”

Vatican Insider

(Domenico Agasso jr) Nuova conferma al convegno di studiosi all’Università di Catania. La proposta: analizzare i fili carbonizzati nell’incendio di Chambéry. «La datazione della Sindone effettuata nel 1988 con il radiocarbonio non è corretta». Si è potuto «finalmente osservare i dati grezzi»: sono «disomogenei» e dunque la collocazione medievale del Sacro Lino «non è attendibile». Bisogna «realizzare un’altra misurazione».

Be Sociable, Share!
Precedente MARTINA NASONI VINCE EDIZIONE 2019 DEL GRANDE FRATELLO Successivo La missione ad gentes, necessaria alla Chiesa e al mondo