La lezione di Papa Francesco ai giornalisti (e alla politica)

Agi

(Marco Pratellesi) “La libertà di stampa e di espressione è un indice importante dello stato di salute di un Paese”, ha detto il pontefice. “Nelle dittature la prima cosa che si toglie è la libertà di stampa”. L’incontro di Papa Francesco con la stampa estera, ricevuta in Vaticano, non è stato un semplice scambio di cortesia ma una vera e propria lezione di giornalismo. Che il pontefice sia un attento e arguto comunicatore non è una novità. Ma con le sue parole Bergoglio, ancora una volta, ha toccato tutti i temi fondamentali del giornalismo: l’abc delle sue regole deontologiche e fondative, troppo spesso dimenticate nella pratica di una professione sempre più povera e tirata via, ma anche richiami alla trasformazione digitale, più subita che guidata dalla categoria. 

Be Sociable, Share!
Precedente Assad ai profughi armeni: tornate in Siria e aiutateci a ricostruire il Paese Successivo Migranti. Maltrattamenti e detenzioni: inchiesta sul centro di Lampedusa