Il rapporto di Save the children: nel mondo, infanzia negata a un bambino su tre

repubblica.it

Oltre 50 mila piccoli uccisi in zone di guerre, troppi muoiono ancora per malattie e denutrizioni. La Repubblica Centrafricana è il Paese nel quale le condizioni di vita sono le peggiori. Vivere l’infanzia che meritano oggi è un diritto negato per 690 milioni di minori, quasi uno su 3 al mondo. Bambine e bambini che muoiono troppo presto a causa di malattie facilmente curabili e prevenibili, che non hanno cibo adeguato per vincere la malnutrizione, che non possono studiare e andare a scuola, che sono costretti a lavorare o a sposarsi precocemente. Un quadro che si fa ancor più cupo nei paesi sferzati dai conflitti, dove in un solo anno 53 mila bambini hanno perso la vita in seguito alle violenze.

Precedente Si celebrerà il 22 agosto di ogni anno Giornata Onu contro le violenze legate a religione o credo Successivo Ambiente. La prima Atlantide va a fondo al largo di Panama