Domenica 2 giugno, ultima giornata di Francesco in Romania: la beatificazione nella città di Blaj di 7 vescovi martiri e l’Incontro con il popolo Rom. Il congedo e ritorno da Sibiu

(a cura Redazione “Il sismografo”)

(LB-RCNel corso della domenica 2 giugno, terzo e ultimo giorno della Visita del Santo Padre in Romania, gli eventi principali si svolgeranno in due città diverse ma vicine: Blaj e Sibiu. A Blaj si vivrà uno degli eventi più rilevanti della Visita poiché nel corso di una Divina Liturgia greco-cattolica il Santo Padre beatificherà 7 vescovi martiri romeni. A Sibiu invece sarà il momento del Congedo e ritorno a Roma.Alle nove, ora locale, di domenica 2 giugno, in Italia le otto del mattino, il Papa, con un velivolo della TAROM, si trasferirà alla città di Sibiu dove arriverà dopo 40 minuti di volo (213 km da Bucarest). Dall’Aeroportul Internaţional Sibiu, Papa Francesco si sposterà immediatamente in elicottero alla città di Blaj (46 km – 40 minuti di volo). Qui, nel Campo della Libertà, il Pontefice sarà presente alla Liturgia Divina durante la quale saranno beatificati i 7 vescovi romeni greco-cattolici martiri. Il Santo Padre pronuncerà la formula di queste beatificazioni e poi pronuncerà anche l’Omelia. Al termine delle celebrazioni il Papa reciterà il Regina Coeli.


Precedente A Bari migliaia di pellegrini ortodossi: pieni i voli di linea e i charter patriarcali in partenza da Mosca Successivo Assad ai profughi armeni: tornate in Siria e aiutateci a ricostruire il Paese