Cina Tienanmen e la memoria

Eco di Bergamo

(Alberto Bobbio) E’ l’anniversario più indesiderato. Nessuno vuole ricordare piazza Tienanmen e il bagno di sangue ordinato dal compagno Deng. Le informazioni sono poche e ancora oggi è assai difficile ricostruire i fatti e le responsabilità politiche interne al partito comunista cinese. Neppure sul numero dei morti c’è certezza. Si va dai 319 ammessi ufficialmente dalla propaganda di Pechino a decine di migliaia denunciati da quelle occidentali. L’impressione è che mai si giungerà alla verità politica e giudiziaria su quanto accadde nella piazza più evocativa del dragone asiatico nella notte tra i 3 e il 4 giugno 1989. La storia trent’anni fa precipitò.

Be Sociable, Share!
Precedente La gaffe di Trump: ipotizza un muro tra Irlanda e Irlanda del Nord Successivo Vaticano Papa Francesco: "La Santa Sede riconosce l'importanza dei mezzi di comunicazione"