Brasile A colloquio con la nipote di Dulce Lopes Pontes, la suora brasiliana che sarà canonizzata il 13 ottobre. Da un umile pollaio è nato un “impero di Amore”

L’Osservatore Romano

(Francesco M. Valiante)Sarà la prima donna nata in Brasile a essere canonizzata. Ma la sua fama ha preceduto di gran lunga il riconoscimento ufficiale della Chiesa, se si pensa che persino il grande scrittore Jorge Amado, legato a lei da una particolare venerazione, già in vita la chiamava “santa Dulce da Bahia”. Per tutti è stata la “madre dei poveri” del paese. E in effetti, anche nelle sue fattezze minute e scarne suor Dulce Lopes Pontes, al secolo Maria Rita — la Missionaria dell’Immacolata Concezione della Madre di Dio che Papa Francesco proclamerà santa il 13 ottobre prossimo — richiamava la figura di Teresa di Calcutta, alla quale l’accomunava la totale dedizione ai bisognosi e ai sofferenti.

Be Sociable, Share!
Precedente A piedi da Molfetta ad Alessano per far conoscere la figura del “vescovo con il grembiule”. Sulle orme di don Tonino Bello Successivo Arcivescovo di Bassora: la visita del Papa, occasione di rinascita per i cristiani e l’Iraq