Arcivescovo di Bassora: la visita del Papa, occasione di rinascita per i cristiani e l’Iraq

AsiaNews

(Alnaufali Habib Jajou) Il Paese è ancora “a pezzi” a causa di una corruzione diffusa. Insufficienti gli interventi del governo per assicurare diritti alle minoranze e risollevare la nazione. Maggiore impegno per contrastare odio e terrorismo. La presenza di Francesco occasione di rinascita, ma serve maggiore impegno in tema di diritti, istruzione, sviluppo e cittadinanza. La visita di Papa Francesco in Iraq, prevista per il prossimo anno, rappresenta una vetrina per il governo di Baghdad per mostrarsi vicino ai cristiani e attivo nella difesa delle libertà e dei diritti di tutta la popolazione. Perché sinora, i vertici del Paese poco o nulla hanno fatto per alleviare “le sofferenze” della comunità locale 

Precedente Brasile A colloquio con la nipote di Dulce Lopes Pontes, la suora brasiliana che sarà canonizzata il 13 ottobre. Da un umile pollaio è nato un “impero di Amore” Successivo L’Asia resta il continente 'nemico' della libertà religiosa