50 anni fa il primo Papa in Africa, s. Paolo VI. Le celebrazioni per il 50.mo del SECAM/SCEAM

(a cura Redazione “Il sismografo”)

Atteso un importante speciale Messaggio di Papa Francesco che a settembre visiterà per la quarta volta il continente africano (LB – RC) Il 31 luglio 1969, mezzo secolo fa, Papa s. Paolo VI così concludeva l’omelia dell’Eucaristia con la quale veniva istituito il “Symposium dei Vescovi Africani”:  “La Chiesa Africana ha davanti a sé un compito originale ed immenso: essa deve rivolgersi come una «madre e maestra» a tutti i figli di questa terra del sole; essa deve offrire loro un’interpretazione tradizionale e moderna della vita; essa deve educare il popolo alle forme nuove dell’organizzazione civile, purificando e conservando quelle sapienti della famiglia e della comunità; essa deve dare impulso pedagogico alle vostre virtù individuali e sociali dell’onestà, della sobrietà, della lealtà; essa deve sviluppare ogni attività in favore del pubblico bene, la scuola specialmente, e l’assistenza ai poveri e ai malati; essa deve aiutare l’Africa allo sviluppo, alla concordia e alla pace. Sì, sono doveri grandi e sempre nuovi; ne riparleremo; ma Noi vi diciamo, in nome del Signore, che insieme seguiamo ed amiamo, che voi ne avete la forza e la grazia, perché voi siete membra vive della Chiesa cattolica, perché siete cristiani e africani.”

Precedente Una notte con l'elemosiniere di Francesco. “Così restituiamo la dignità agli sfortunati” Successivo Vaticano ore 10, Sala Clementina: Concistoro Pubblico Ordinario. Cinque nuovi santi. Tra loro il cardinale Newman e Dulce, la "Madre Teresa" del Brasile